Detenzione e spaccio droga misure cautelari per 4 donne

Nigeriano arrestato a Foligno per vari reati

Detenzione e spaccio droga misure cautelari per 4 donne

Oggi, gli agenti del Commissariato di Foligno hanno eseguito un’ordinanza emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari (G.I.P.) presso il Tribunale di Spoleto, applicando misure cautelari a quattro cittadine italiane. Queste donne sono state ritenute responsabili di concorso nei reati di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

L’operazione è stata il risultato di un’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Spoleto, iniziata nel settembre 2022, che ha documentato un continuo traffico di sostanze stupefacenti, in particolare di tipo hashish.

Le quattro donne coinvolte risiedevano in un’abitazione nel cuore del centro storico di Foligno, dove ricevevano numerosi clienti, effettuando anche decine di cessioni di stupefacenti al giorno.

L’indagine ha raccolto testimonianze precise e circostanziate, oltre a utilizzare filmati provenienti da telecamere di videosorveglianza, che hanno fornito prove chiare dell’attività di spaccio.

Gli acquirenti si recavano presso l’abitazione delle indagate praticamente a tutte le ore del giorno. In alcuni casi, acquistavano la sostanza stupefacente direttamente presso l’ingresso dell’edificio, mentre in altri casi, aspettavano in strada che venisse loro consegnato il quantitativo di hashish richiesto.

Durante l’esecuzione dell’ordinanza cautelare, gli agenti hanno sequestrato un quantitativo di hashish pari a circa un etto e mezzo, insieme a un bilancino di precisione e materiale utilizzato per il confezionamento delle dosi. Inoltre, è stata sequestrata una somma in contanti di 3.600 euro, che si presume sia il provento dell’attività di spaccio.

Le quattro cittadine italiane coinvolte nell’indagine, di cui due con precedenti specifici, sono state soggette a misure cautelari. Due di loro sono state sottoposte a custodia cautelare in carcere, mentre le altre due sono state colpite da divieto di dimora nell’intera regione Umbria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*