Supereroi in azione per studenti con disabilità, evento beneficenza

Una serata di solidarietà e inclusione a Foligno, con un’attenzione speciale per gli studenti con disabilità

Supereroi in azione per studenti con disabilità, evento beneficenza

Supereroi in azione per studenti con disabilità, evento beneficenza

Supereroi in azione – L’associazione di promozione sociale “Penso positivo by Tommaso” ha organizzato una serata di beneficenza a Foligno, dedicata a sostenere gli studenti con disabilità. L’evento, che ha visto la partecipazione di numerosi “supereroi”, ha riscosso un grande successo, tanto da registrare il tutto esaurito nelle sale di Palazzo Candiotti.

La serata è stata un’occasione per dimostrare sensibilità e solidarietà verso gli studenti con disabilità. Sandro Acciarini e Catia Borsellini, rappresentanti dell’associazione, hanno aperto l’evento presentando le attività svolte nel corso dell’ultimo anno, tra cui la stipula di una convenzione con due scuole per il supporto ai ragazzi disabili.

Durante la cena, i partecipanti hanno potuto gustare piatti ispirati a cinque supereroi (Doctor Strange, Scarlet Witch, Iron Man, Capitan America e Tom dj, in omaggio a Tommaso), ideati dalla chef Claudia Di Meo. Il professor Vincenzo Schettini, noto fisico e influencer, ha contribuito all’evento leggendo un brano del suo ultimo libro “Ci vuole un fisico bestiale” (Mondadori Electa), in cui viene ricordato Tommaso.

L’obiettivo dell’associazione “Penso positivo by Tommaso” è ambizioso: aiutare sempre più ragazzi con disabilità. Questo intento è stato sottolineato da Catia Borsellini durante la conclusione dell’evento, in cui ha ringraziato i partecipanti, lo staff dei volontari e i membri del direttivo. La chef Claudia Di Meo ha poi invitato tutti a non fermarsi a questa serata, ma a continuare a donare per aiutare sempre più ragazzi in difficoltà.

La serata di beneficenza organizzata da “Penso positivo by Tommaso” ha dimostrato che chiunque può diventare un supereroe, basta fare qualcosa per gli altri. Un messaggio potente e inclusivo, che risuona forte e chiaro in ogni angolo di Palazzo Candiotti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*