Carenza di personale e depotenziamento dei servizi sanitari in Umbria: un appello per l’azione

Le opposizioni si uniscono per affrontare i problemi emergenti

Carenza di personale e depotenziamento dei servizi sanitari in Umbria: un appello per l’azione

Carenza di personale e depotenziamento dei servizi sanitari in Umbria: un appello per l’azione

Durante le visite recenti a tre strutture sanitarie in Umbria – a Foligno, Assisi e Montefalco – sono emersi due problemi principali: la carenza di personale e il depotenziamento dei presidi della sanità territoriale. Questi problemi si stanno aggravando man mano che la popolazione invecchia e le esigenze dei cittadini aumentano, mettendo a dura prova i servizi territoriali.

Le inefficienze sono spesso il risultato di scelte organizzative irrazionali, come il trasferimento ripetuto di pazienti da Orvieto a Foligno invece che a Terni. Inoltre, la crisi economica causata dall’inflazione ha portato ad un aumento dei costi che la regione da sola fatica a sostenere.

È sorprendente che la Preside te Tesei non chieda al Governo Meloni di aumentare gli investimenti nella manovra finanziaria, fondamentali per assumere il personale necessario in molti reparti e presidi. Questa mancanza di azione, dovuta alla pura accondiscendenza con la destra nazionale, danneggia il diritto alla salute degli umbri.

La verità è che sembra esserci una spinta verso la privatizzazione, che favorirebbe poche cliniche a discapito delle persone con un reddito basso e medio. Questa situazione è intollerabile e ha portato alla decisione di lanciare una mobilitazione unitaria delle opposizioni. Alleanza Verdi e Sinistra, Partito Democratico e Movimento 5 Stelle stanno visitando tutti i presidi sanitari della regione.

Per difendere il diritto alla salute dei cittadini, queste forze politiche sono pronte a dare battaglia, sia in Umbria che nel parlamento nazionale. La salute dei cittadini è una priorità e richiede un impegno concreto e immediato per affrontare e risolvere questi problemi emergenti nel settore sanitario.

Parole chiave: Personale insufficiente, depotenziamento, sanità territoriale, Foligno, Assisi, Montefalco, servizi territoriali, inefficienze, scelte organizzative, inflazione, costi, Preside te Tesei, Governo Meloni, manovra finanziaria, privatizzazione, mobilitazione unitaria, opposizioni, Alleanza Verdi e Sinistra, Partito Democratico, Movimento 5 Stelle, diritto alla salute, Umbria, parlamento nazionale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*