Carbonari, M5S, attacca Stefania Moccoli, assessore Trevi

Carbonari, M5S, attacca Stefania Moccoli, assessore Trevi Quello della Moccoli è un caso emblematico e non isolato
moccoli-carbonari

Carbonari, M5S, attacca Stefania Moccoli, assessore Trevi
Quello della Moccoli è un caso emblematico e non isolato

In questi giorni sono tornata ad occuparmi del tema delle “collaborazioni esterne”della Regione Umbria, “collaborazioni” che, de facto, si trasformano in contratti di lavoro subordinato lautamente pagati dai contribuenti con soldi pubblici, senza però che le persone incaricate abbiano superato alcun concorso pubblico ed abbiano quella comprovata professionalità ed esperienza, che la Costituzione (art. 97) e le normative vigenti tanto a livello nazionale (articolo 7 comma 6 del decreto legislativo 30 marzo 2001 n. 165) che regionale (LR Umbria 23 marzo 1981 n. 14 e “Disciplina per il conferimento di incarichi professionali esterni”, approvata con deliberazione della Giunta regionale del 14 luglio 2014 n. 872) impongono.

Nell’espletamento del mio ruolo istituzionale e di garanzia, ho presentato oggi alle autorità competenti una segnalazione tesa ad appurare se vi siano state violazioni di legge, nel reiterato conferimento di incarichi di consulenza esterna a Stefania Moccoli, attuale assessore al Comune di Trevi e da anni militante del PD. Nei prossimi giorni verrà anche depositata un’analoga interrogazione in Consiglio regionale.

Quello della Moccoli è un caso emblematico e non isolato, di una situazione paradossale nella quale la legge viene spesso forzata nella lettera, per garantire rilevanti somme a persone che, guarda caso, in molti casi hanno strettissimi collegamenti con il PD umbro, ma il cui curriculum di studi e professionale, appare del tutto alieno agli incarichi che vengono loro affidati. Stefania Moccoli infatti da circa 10 anni lavora, di fatto, per laRegione Umbria, senza aver superato alcun concorso pubblico in virtù di una selezione per vari progetti di collaborazione esterna, selezione operata sempre con la semplice valutazione dei curricula pervenuti.

E vale proprio la pena leggerlo il curriculum vitae della Moccoli, così che ognuno di voi potrà farsi una propria idea sulle sue esperienze formative e lavorative precedenti. Un po’ poco per apportare consulenza specialistica su progetti come il “Progetto strategico settore informatico” (dal 20 aprile 2006 al 31 dicembre 2007), “Progetti Ministero della Salute” (1 aprile 2008-31 dicembre 2009), “Supporto attività comunicazione della Direzione Sanità”(1 febbraio 2010-31 dicembre 2012) e “Attività di supporto giuridico amministrativo” (1 agosto 2013 al 31 dicembre 2015).

Senza voler mettere in dubbio la competenza e capacità della signora Stefania Moccoli, lungi dall’arrecarle ogni offesa, penso sia palese che ci sono migliaia di persone che hanno un curriculum oggettivamente migliore e non si evince alcuna specializzazione tale da porla in una posizione di rarità od unicità rispetto alla stragrande maggioranza deidipendenti della Regione Umbria, tutti assunti per concorso pubblico. Fatto sta che la Moccoli, nell’arco di 116 mesi, ha percepito lauti compensi dalla Regione Umbria, cioè da tutti noi, per 105 mensilità, come da documentazione alla mano ”.

Aldilà dell’eventuale danno erariale che le autorità possano riscontrare l’aspetto che più rattrista è la feroce stortura che tali pratiche provocano all’interno del mercato del lavoro. E’ triste infatti vedere che nell’attuale disperata situazione occupazionale ogni concorso pubblico diventa un “mercato della vacche” con migliaia di persone preparate e disoccupate che competono per una manciata di posti di lavoro pubblici poco retribuiti, quando alcune persone, con curricula ricchi solo dal punto di vista della militanza politica nel PD, ricevono compensi molto consistenti, pagati con le tasse di tutti noi, senza concorso, grazie alla corsia preferenziale di una normativa nata con determinate funzioni e snaturata per renderla un “incarichificio” a beneficio di pochissimi. Un esempio fra tutti quello di un concorso indetto dalla Regione Umbria che per 94 posti a tempo determinato ha ricevuto oltre 20.000 domande!

Grazie alle segnalazioni dei cittadini e all’intervento auspicato delle autorità competenti spero che presto si tornerà ad una situazione di legalità, come auspicato dalla stessaCorte dei Conti nella “Relazione allegata alla decisione di parifica del rendiconto generale della Regione Umbria per l’esercizio finanziario 2014” (pagina 44 e seguenti), una situazione in cui sarà il merito a determinare le reali opportunità di ciascuno. Un sistema dove la legge verrà rispettata e non forzata come un elastico per trasformarla in quello che non è.

Lo dobbiamo ai tanti disoccupati, competenti, preparati e mortificati ogni giorno da un sistema autoreferenziale che dà loro solo briciole, garantendo a chi ne fa parte un trattamento oggettivamente molto ricco,  ben pagato dalle tasche di tutti noi.

Maria Grazia Carbonari,
Portavoce M5S
Consiglio regionale Umbria

Collaborazioni esterne: l'emblematico caso di Stefania Moccoli

COLLABORAZIONI ESTERNE: L’EMBLEMATICO CASO DI STEFANIA MOCCOLI ==> http://wp.me/p6bnhx-2SL <==L’assessore PD del Comune di Trevi da 10 anni lavora de facto alla Regione in virtù di reiterati incarichi di consulenza esterna. M5S presenta segnalazione alle autorità competenti e interrogazione.Lo dobbiamo ai tanti disoccupati, competenti, preparati e mortificati ogni giorno da un sistema autoreferenziale che dà loro solo briciole, garantendo a chi ne fa parte un trattamento oggettivamente molto ricco, ben pagato dalle nostre tasche.

Pubblicato da Maria Grazia Carbonari su Martedì 8 marzo 2016

1 Trackback / Pingback

  1. Schiaffo in faccia a Roberto Testa durante comizio elettorale

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*