Vertenza Polizia Municipale, segnali non incoraggianti

 
Chiama o scrivi in redazione


Polizia municipale Foligno, sanzionati un venditore ambulante e due parcheggiatori abusivi

da Andrea Russo UILFPL – Vertenza Polizia Municipale, segnali non incoraggianti. Terminato lo sciopero dello straordinario dal 22 al 31 agosto, martedì 1 settembre si terrà l’incontro convocato con tutti i vigili dal Sindaco e dall’Assessore alle Relazioni con la Polizia Municipale.

© Protetto da Copyright DMCA

Purtroppo non ci sono segnali incoraggianti, viste alcune dichiarazioni del Sindaco (apparse su Il Giornale dell’Umbria di giovedì 27 u.s.) secondo il quale l’amministrazione già è venuta incontro alle richieste dei vigili con una delibera di marzo-aprile, che non è possibile un accordo separato senza CGIL e CISL poiché i vigili che scioperano (oltre l’80%) non sono la totalità e che ai vigili il disagio oggettivo per il lavoro che svolgono è sempre stato riconosciuto.

Dichiarazioni che si scontrano con la realtà di quanto invece accaduto e che fanno erroneamente credere all’opinione pubblica, ancora una volta, che ai vigili interessano solo gli aspetti economici.

Innanzitutto la delibera cui fa riferimento il sindaco è la n. 210 del 21 maggio scorso (non di marzo-aprile), sulla quale lavoratori e sindacati hanno già espresso giudizio negativo, confermando lo sciopero del 25 maggio. Il motivo? Oltre a non chiarire il complesso delle risorse investite nella polizia locale, non è stato redatto alcun progetto di miglioramento dei servizi né individuate le modalità di ripartizione delle risorse tra i vigili (ossia, in assenza di criteri, quei pochi che non hanno scioperato potrebbero essere premiati percependo ben più di chi ha scioperato, senza alcuna motivazione oggettiva). L’incontro di domani ha inspiegabilmente e nuovamente all’ordine del giorno solo questa delibera nonostante gli
siamo arrivati a settembre e pressoché tutte le problematiche permangono.

Non scioperano tutti? Ha costantemente aderito alla vertenza oltre l’80% dei lavoratori. Non è possibile fare accordi separati senza che firmino tutte le sigle sindacali? Davvero CGIL e CISL sarebbero contrarie ad un accordo? E poi, nel 2010 l’amministrazione guidata dallo stesso sindaco firmò un accordo separato, senza la UILFPL, il CSA ed il SULPL contro la volontà della stragrande maggioranza dei lavoratori di tutto il Comune di Foligno (non solo dei vigili), che avevano dato un diverso mandato al sindacato in ben due assemblee sindacali largamente partecipate. Quindi al tempo il sindaco ammise un accordo separato, addirittura contro il volere della stragrande maggioranza dei lavoratori. Questa volta che deve farlo a favore di oltre l’80% dei lavoratori non si può fare. Questa è la democrazia?

In ogni caso avevamo proposto un incontro pubblico per chiarire le posizioni: rimaniamo sempre disponibili.

Vertenza Polizia Municipale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*