Una vittoria per mister Armillei: il guizzo di Colarieti piega il Grassina (1-0)

 
Chiama o scrivi in redazione


Una vittoria per mister Armillei: il guizzo di Colarieti piega il Grassina (1-0)

Una vittoria per il tecnico Antonio Armillei. I Falchi battono 1-0 il Grassina in una sfida fondamentale e scatta automatica la dedica al proprio allenatore, colpito venerdì dal grave lutto della scomparsa della madre. I bianco-azzurri riescono ad avere la meglio con una bella prova, di sostanza e personalità, conquistando la seconda vittoria di fila e facendo un bel balzo in avanti in classifica. A decidere è la rete di Lorenzo Colarieti alla fine del primo tempo.

© Protetto da Copyright DMCA

LA SFIDA – Non è per niente una gara semplice, a dispetto di quello che la classifica potrebbe dire. Il Grassina ha ottenuto infatti le sue due vittorie in campionato entrambe fuori casa e quindi la guardia deve essere mantenuta alta. La fase di studio è molto lunga: inizialmente il 4-3-3 degli ospiti sembra più pimpante, ma con il passare dei minuti il Foligno viene fuori a livello di manovra e personalità: trovare spazi, però, non è facile, dato che i rosso-verdi sono compatti e ben disposti; padroni di casa invece che peccano un po’ nell’ultimo passaggio e vanno ad imbottigliarsi troppo spesso per vie centrali, nonostante un Marianeschi trequartista che gioca a tutto campo e che si sbatte per trovare le giocate. La gara si dà una “svegliata” dalla mezz’ora: il primo tiro del Foligno, con Zerbo, è del 31’ e abbastanza velleitario. Ben più insidiosa l’azione al 36’, quando un traversone di Marianeschi pesca sul secondo palo Giabbecucci, che di prima intenzione la mette in mezzo, ma Zerbo sottoporta non è incisivo.

Grassina che dopo un inizio incoraggiante nei primi minuti ora sta più sulle sue e si vede in pratica per la prima volta al 37’, con Zagaglioni che lancia Marzierli, che però si allarga e non centra lo specchio. Arriviamo al minuto 42 e il Foligno riesce a colpire: Marianeschi ci va di “tigna” su Benvenuti e gli sradica il pallone regolarmente; sfera che arriva in area dove Zerbo in acrobazia scodella sul secondo palo, dove né Mancini né Fondi trovano la deviazione; c’è però Colarieti che arriva di gran carriera e fa partire il diagonale che si infila alle spalle di Cecchi. Dopo la rete tutti i giocatori ad abbracciare il tecnico Antonio Armillei dopo il lutto che lo ha colpito venerdì.

Ripresa che vede il Foligno più deciso, ma poco cattivo al momento di andare a cercare il raddoppio: il Grassina appare in difficoltà e all’8’ ci mette una pezza Cecchi, che va ad intervenire su un colpo di testa di Mancini a centro area su assist di Aldrovandi al 9’. Il piglio bianco-azzurro è buono, ma gli ospiti stentano a mollare e mano a mano che scorre il cronometro, cambiando atteggiamento tattico – passando dal 4-3-3 al 4-3-1-2 – riescono a guadagnare un po’ di campo: al 22’ è fondamentale l’intervento difensivo di Aldrovandi sull’azione in contropiede di Baccini; al 28’ invece Meniconi c’è sul tiro da fuori di Favilli. Grassina che insiste, ci crede, ma il Foligno, sia chiaro, non rischia più di tanto.

Per di più, al 32’ la squadra di Armillei avrebbe anche la palla del raddoppio, con Mancini che viene innescato sul filo del fuorigioco, ma invece di servire Zerbo o cercare il diagonale, spara di forza sul primo palo, cogliendo solo l’esterno della rete. Il finale è teso, anche leggermente sofferto se vogliamo. Perché il Grassina butta avanti tanti palloni e gioca con il sangue agli occhi, andando a pressare anche in tre per riprendersi il pallone: al 34’ Meniconi deve smanacciare in angolo un’insidiosa girata di testa di Favilli su palla messa dentro da Gianneschi. Per il resto, Foligno in buona gestione della situazione. Nel finale, in pieno recupero, da segnalare un episodio poco simpatico: Sanseverino mette in fallo laterale il pallone per consentire il cambio di Colarieti, alle prese con qualche piccolo problema fisico; il tecnico ospite Innocenti, però, ordina ai suoi di non restituire il pallone per provare l’assalto finale. Assalto però che non avrà luogo e per il Foligno ecco tre punti d’oro per andare alla pausa con maggiore tranquillità.

Queste le dichiarazioni del direttore sportivo Michele Cuccagna al termine del match: «Vittoria che vale tanto: ora andiamo alla sosta più tranquilli a livello di classifica. La partita non è stata spettacolare, ma credo che la vittoria sia legittima, visto che secondo me abbiamo creato più di loro. Nel finale ci sta un po’ di sofferenza, perché la sfida era in bilico, ma grossi rischi non ne abbiamo corsi. Non l’abbiamo chiusa? Siamo stanchi mentalmente e fisicamente, abbiamo giocato tante partite in poco tempo e le energie venivano a mancare». Naturale un pensiero per il tecnico Armillei: «Il mister è la folignalità fatta persona: ha avuto un lutto e il giorno dopo già era ad allenare la squadra. Ama Foligno e il Foligno. Dedichiamo la vittoria a lui e a tutti quelli che hanno a cuore il Foligno Calcio».

FOLIGNO – GRASSINA 1-0
FOLIGNO (4-3-1-2): Meniconi; Colarieti (49’ st Betti), G. Nuti, Aldrovandi, Dita; Fondi, Sanseverino, Giabbecucci (19’ st Settimi); Marianeschi; Zerbo (45’ st Asllani), Mancini.
A disp.: Marricchi, Rossi, Fiki, Dell’Orso, Piancatelli, Bardeggia. All.: Armillei.
GRASSINA (4-3-3): Cecchi; Matteo, Villagatti (1’ st Favilli), Benvenuti, Gianneschi; Cavaciocchi (1’ st Del Lungo), T. Nuti (47’ st Rosi), Zagaglioni; Diarrassouba (12’ st Baccini), Marzierli, Calosi (46’ st Marino).
A disp.: Mataloni, Marfioti, Alfarano, Candia. All.: Innocenti.
ARBITRO: Grieco di Ascoli Piceno (assistenti: Galieni di Ascoli Piceno – Maroni di Fermo).
MARCATORI: 42’ pt Colarieti (F).
NOTE: gara giocata a porte chiuse. Ammoniti: Matteo (G), Marianeschi (F), Giabbecucci (F), T. Nuti (G), Zerbo (F), Sanseverino (F), Zagaglioni (G), Calosi (G). Angoli: 6-2. Recupero: 1’ pt e 3’+ 1’ st.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*