Il 3 ottobre parte la stagione di ciclocross dei Falchetti

Mattia Proietti Gagliardoni,vero specialista delle ruote grasse

 
Chiama o scrivi in redazione


Il 3 ottobre parte la stagione di ciclocross dei Falchetti

Il 3 ottobre parte la stagione di ciclocross dei Falchetti

 Lasciata alle spalle l’estate per i giovani atleti dell’UC Foligno è tempo di fuoristrada e, in particolar modo, di ciclocross. Dal primo weekend di ottobre l’asfalto lascerà infatti il posto ai prati e al fango di una delle discipline più avvincenti dell’universo ciclistico, nella quale si cimenteranno con continuità quattro Falchetti appartenenti a tre distinte categorie.


di Marco Bea
Ufficio Stampa Unione Ciclistica Foligno


L’elemento più rappresentativo della pattuglia folignate sarà l’assisano Mattia Proietti Gagliardoni, vero specialista delle ruote grasse e campione regionale Esordienti II anno sia nell’XCO che nel Ciclocross, che approderà tra gli Allievi in compagnia del pari età Edoardo Bolletta. Sul fronte Esordienti toccherà invece al II anno Lorenzo Scocciolini e al I anno Samuele Moretti, con quest’ultimo che, come da regolamenti federali, prenderà parte alle gare promozionali G6 da 20 minuti fino al termine dell’anno solare 2021.

Il gruppo romperà il ghiaccio

Il gruppo romperà il ghiaccio domenica 3 ottobre, dove si dividerà tra San Severino Marche e la prova internazionale, di classe C2 UCI, sulla sabbia di Jesolo. Il ricco ed ambizioso programma stagionale comprenderà poi tutte le tappe del Giro d’Italia Ciclocross e dell’Adriatico Cross Tour, entrambe manifestazioni di grande rilievo sia sul piano tecnico che partecipativo, con appuntamento distribuiti lungo tutto lo stivale fino ai primi di gennaio.

Dopo i successi su pista di Rebecca Bacchettini

Dopo i successi su pista di Rebecca Bacchettini la società presieduta da Moreno Petrini continua quindi a dare linfa al proprio progetto multidisciplinare, con l’intento non solo di offrire ai propri tesserati una formazione a 360°, ma anche di assecondarne passioni ed inclinazioni. Quello che infatti non mancherà durante questo inverno sarà senza dubbio il divertimento, in una specialità, tra l’altro molto sicura ed apprezzata dagli stessi corridori, dalla quale sono passati molti degli attuali campioni del panorama mondiale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*