Ciclismo Tirreno Adriatico, bene organizzazione Protezione

Ciclismo Tirreno Adriatico, bene organizzazione Protezione Civile duecento ottanta volontari impegnati lungo il circuito
ciclismo

Ciclismo Tirreno Adriatico, bene organizzazione Protezione
Civile  duecento ottanta volontari impegnati lungo il circuito

Migliaia di persone festanti hanno assistito a Foligno all’arrivo della IV tappa della Tirreno Adriatico, la classica del ciclismo che di fatto inaugura in Italia la stagione delle corse su strada.  La macchina organizzativa impeccabile, grazie alle forze dell’ordine e al grande lavoro dei 280 volontari impegnati lungo il circuito –  a cui il sindaco della città ha fatto visita prima dell’arrivo della carovana rivolgendo a tutti parole di ringraziamento -, ha fatto sì che tutto si sia svolto nel migliore dei modi. Bella la cornice di pubblico e particolarmente suggestiva la presenza di due splendide dame della Quintana ad accogliere i vincitori sul palco della premiazione.

Per la cronaca, è stato il britannico Steven Cummings a tagliare per primo il traguardo seguito da Salvatore Puccio del Team Sky e da Natnael Berhane della Dimension Data, mentre Peter Sagan della Tinkoff ha vinto lo sprint del gruppo che tuttavia gli è valso solo il settimo posto. Zdenek Stybar dell’Etixx-Quick Step è arrivato decimo restando in Maglia Azzurra. Un successo della città che, in tutte le sue articolazioni, ha collaborato in maniera entusiasta all’organizzazione dell’evento.

Una festa solo in parte scalfita dall’annullamento, causa maltempo, della tappa Foligno-Monte San Vicino che sarebbe dovuta partire da Piazza della Repubblica. Si è comunque trattato di una sorta di prova generale per accogliere al meglio tra due mesi il “Giro d’Italia” che vedrà proprio nella città della Quintana il 13 maggio l’arrivo  della VII tappa (Sulmona-Foligno) e il giorno successivo la partenza dell’VIII (Foligno-Arezzo).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*