Quando l’Africa chiama Sant’Eraclio e in prima linea per la solidarietà

Quando l’Africa chiama Sant’Eraclio e in prima linea per la solidarietà

di Andrea Piermarini
Quando l’Africa chiama Sant’Eraclio e in prima linea per la solidarietà Non solo Kenia dove Naomi Vernaccia originaria di Sant’Eraclio ha realizzato biblioteche, asili nidi e sta attualmente raccogliendo fondi per la scuola materna nel villaggio “Mamba Tumaini”. Il territorio della frazione folignate di Sant’Eraclio ha un costante rapporto privilegiato con l’Africa ed è sempre in prima linea per dimostrare la generosità della sua popolazione.

In questi giorni in occasione delle festività per il Santo Patrono Eraclio giovane soldato di fede cristiana perseguitato dall’imperatore romano Decio morto nel 251 d.C. il parroco dell’Unità Pastorale “Sant’Eraclio – Cancellara” Monsignore Luigi Filippucci lancia un appello ai  comunicandi e ai cresimandi che domenica 29 aprile  riceveranno i Sacramenti.

L’intento del parroco don Luigi è quello di sensibilizzare i giovani a compiere un bellissimo gesto di solidarietà e condivisione. “L’acqua è vita, aiutiamo a vivere meglio tanti ragazzi e le loro famiglie della Missionenello Zambia gemellata con la nostra parrocchia, costruendo un pozzo” Cosi don Luigi Filippucci che prosegue ricordando che occorrono per realizzarlo ben 750 euro.

Leggi anche: La solidarietà passa anche per la mensa e l’emporio Caritas a Foligno

Il parroco suggerisce ai ragazzi comunicandi e cresimandi di chiedere come regalo una somma di denaro. Poi aggiunge “una parte dei soldi li metterete in un salvadanaio per le necessità di ognuno di voi e l’altra la impiegherete per la realizzazione del pozzo”. Rivolgendosi anche a tutte le persone della comunità parrocchiale dichiara “chiedo qualche generoso spicciolo e il pozzo sarà completato”.

Un ruolo determinante è svolto dai coniugi Carla e Giovanni Martefagni

Un ruolo determinante è svolto dai coniugi Carla e Giovanni Martefagni di Sant’Eraclio che rappresentano il braccio operativo, l’anello di congiunzione tra lo Zambia e Sant’Eraclio degli “ambasciatori” che danno concretezza ai sogni della popolazione nel cuore dell’Africa. Negli anni scorsi si sono recati piu volte nella missione “San Giuseppe” nello Zambia per realizzare “il Pozzo di Sandro”e creare  una scuola con un contributo di 3.000 euro  proveniente dalla parrocchia di Sant’Eraclio.

Successivamente Giovanni e Carla hanno portato nella missione anche materiale didattico.  “Nelle numerose visite le persone del posto al momento di salutarci, ci ripetevano – ricorda Carla Tacchi in Martefagni – “non ci abbandonate perché la povertà più grande e quello di sentirsi soli, senza speranza.”“Sant’Eraclio ha dimostrato ancora una volta – conclude la Martefagni –  di essere una parrocchia aperta e disponibile ad accogliere la chiamata di chiunque vicino o lontano, lanci una richiesta di aiuto e di attenzione”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*