La cerimonia del 25 aprile a Foligno, le parole del sindaco

 
Chiama o scrivi in redazione


La cerimonia del 25 aprile a Foligno, le parole del sindaco

Si riporta la nota del sindaco di Foligno, Stefano Zuccarini, in occasione del 25 aprile. “Cari concittadini, celebriamo oggi il 25 Aprile, giornata che ci ricorda la liberazione dell’Italia dalla dittatura nazifascista. Questa mattina abbiamo deposto una Corona di Alloro alla lapide ai Caduti posta sulla facciata principale della Cattedrale di San Feliciano, che vede finalmente l’avvio del cantiere dei lavori di recupero. La stessa è poi stata sistemata di fronte al Monumento di piazzetta Don Minzoni, essendo quella del Duomo coperta dalle impalcature. Ci siamo poi recati ai piedi della Lapide dei Caduti sulla facciata del Palazzo Comunale in piazza della Repubblica, per l’altra deposizione. Un’altra Corona di Alloro, l’abbiamo portata Sacrario dei Caduti, a Cancelli.  Siamo voluti tornare – come abbiamo fatto per la prima volta lo scorso anno – al Cimitero di Guerra dei Militari Alleati, a Rivotorto di Assisi: speciale concessione, per la quale ringrazio tutti coloro che l’hanno resa praticabile. A poca distanza da Foligno, in quella che viene considerata la ‘Città della Pace’, riposano infatti le salme di 949 caduti del Commonwealth: giunti da Paesi lontani, morti per la nostra Libertà. Una lotta che li ha visti protagonisti con l’ausilio delle forze partigiane, composte da orientamenti diversi, se non addirittura opposti: da comunisti e cattolici, da repubblicani e monarchici, anarchici e liberali, socialisti ed azionari. Onore al merito, anche a chi morì indossando una divisa nel Corpo Italiano di Liberazione. Quest’anno, inoltre, abbiamo colto con piacere l’invito della sezione folignate dell’Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi di Guerra, deponendo una Corona di Alloro alla Stele che ricorda i Caduti di tutte le guerre della Città di Foligno, ed i Mutilati ed Invalidi di Guerra di Foligno e Comprensorio, per ricordare chi ha avuto la vita segnata dalle conseguenze, portandone per sempre segni e sofferenze. Abbiamo partecipato alla Santa Messa, officiata da Monsignor Giuseppe Bertini, sempre nella Chiesa di Sant’Agostino, in via Garibaldi, proprio in occasione dell’avvio ufficiale delle celebrazioni per il Centenario di attività dell’Anmig di Foligno”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*