Due chilometri e mezzo, una parte anche in galleria, a piedi per andare a Rasiglia

Vi sembra normale far andare centinaia di turisti a piedi su una statale

Due chilometri e mezzo, una parte anche in galleria, a piedi per andare a Rasiglia

Due chilometri e mezzo, una parte anche in galleria, a piedi per andare a Rasiglia

di Antonio Erre
Da segnalazioni Foligno del 19 aprile 2022
Buonasera, scrivo in qualità di turista che ha trascorso gli ultimi tre giorni in Umbria visitando varie città da sabato mattina fino ad oggi. Ecco, tutto bene fino alla follia odierna che ha visto me, mio figlio di sei anni e mia moglie recarci a Rasiglia. Arriviamo in mattinata ed ovviamente come previsto troviamo un afflusso notevole di turisti. Strada chiusa dalla Municipale quindi auro parcata nel parcheggio antecedente la galleria.

Ci dicono che c’è una navetta che offre servizio gratuito ma parlando con varie persone ferme in attesa ci dicono che erano da oltre un’ora in attesa e di navette non avevano viste quindi ci rechiamo verso la municipale per chiedere informazioni e veniamo invitati ad andare a piedi (2.4km che alla fine non sono tanti per caritá) ma alla mia domanda se ci fosse anche una volante su che bloccasse la strada visto che sembrava abbastanza pericolosa e vedevamo scendere auto , ci viene risposto di no ma andando piano e riguardandoci potevamo stare tranquilli! Visto che c’erano fiumi di persone che salivano a piedi decidiamo di accodarci ed andiamo.

A piedi su una statale, attraversando la galleria con auto che salivano ( ai residenti era permesso) e soprattutto auto e moto che tranquillamente scendevano e suonavano questo fiume di persone che invadevano la statale con elevato rischio per la propria incolumità. Diciamo che fin qui nessun problema ma al ritorno decidiamo con tanti altri che era troppo rischioso rifarla visto l’aumento notevole di auto che scendevano quindi aspettiamo la navetta.[/su_panel]

Dalle 13:15 arriva una navetta alle 15:10 e per di più stracolma che non siamo potuti entrare. L’autista era provato dicendo che era solo e meglio di così non riusciva a fare quindi ci ha concesso di far entrare la moglie per scendere a prendere l’auto in modo da risalire a prenderci. Inutile dirvi che ha dovuto discutere giù perchè non volevano farla risalire a prendere il bimbo e me ma dopo un’insistenza notevole le hanno concesso di passare.

La mia riflessione da turista è che non bisogna fare di tutta l’erba un fascio visto che siamo stati bene ovunque in Umbria (Gubbio, Spello, Assisi, Montefalco, Cascate delle Marmore) ma il disservizio di oggi ha rovinato tutto!

Vi sembra normale far andare centinaia di turisti a piedi su una statale

Vi sembra normale far andare centinaia di turisti a piedi su una statale con elevatissimo rischio per la vita dato che auto e moto scendevano tranquillamente visto che la strada non era bloccata al traffico?! Se qualche autista avesse avuto un malore ed avrebbe investito un fiume di persone la staremmo a piangere i morti? Ma soprattutto chi avrebbe pagato per questo?
Le persone possono essere lasciate percorrere a piedi quella strada ( di norma vietata dal codice) solo e dico solo se il tratto è chiuso e controllato dalle forze armate!

è stata una follia una gestione simile

Per quanto mi riguarda è stata una follia una gestione simile e nulla da dire contro l’autista che poverino si è anche dimostrato comprensibile ma oltre i limiti umani da solo non poteva!
Ma l’amministrazione così gestisce circa 100mila turisti in arrivo in un borgo altamente richiesto in giornate ad altissima densità di turismo? Mettendo a serio rischio la loro vita?
Vi sembra normale vedere questo in foto, scattate quando mia moglie e venuta a prendere me e il bimbo e finalmente dopo due ore siamo riusciti a mollare quel posto con la promessa di non metterci più piedi e sconsigliarlo a tutti quelli che conosciamo?

Una FOLLIA pura quella vissuta oggi ed ho cercato apposta questo gruppo per condividere l’esperienza sperando sia di rilievo giornalistico!
Grazie

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*