Caterina Lucangeli ha annunciato che è attivo centro antiviolenza a Foligno

 
Chiama o scrivi in redazione


Caterina Lucangeli ha annunciato che è attivo centro antiviolenza a Foligno

di Mariolina Savino
Appena ieri, 25 novembre, si è ricordata la giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne a dimostrazione di quanto un argomento così importante, sia particolarmente sentito da questa amministrazione, volevo comunicare, che proprio da ieri, è ufficialmente attivo il centro antiviolenza non residenziale di cui Foligno è capofila nella zona sociale 8.

  • Questo significa che la nostra città rappresenta un grande punto di riferimento per tutti i comuni limitrofi.

© Protetto da Copyright DMCA

La sede, che si trova in via dei Molini, in zona defilata per il rispetto della privacy e vicino al commissariato di polizia e dalla caserma dei Carabinieri, riceve cinque giorni a settimana compresi festivi. L’associazione liberamente donna, è quella che gestirà il centro antiviolenza, in sinergia con la Prefettura e le forze dell’ordine, dove ora le donne sapranno di poter essere sostenute da questa rete protettiva e trovare supporto legale psicologico attraverso operatori specializzati, in forma perfettamente anonima è gratuita.

Credo che questo sia un importante traguardo raggiunto e comunque un aiuto concreto a tutte le donne vittime di violenza che Speriamo siano così maggiormente motivate a denunciare è a rivolgersi a questa struttura punto purtroppo, da controlli incrociati con i dati forniti da polizia e carabinieri, durante il lockdown periodo in cui la struttura non ha mai interrotto il servizio, i casi di violenza sono tristemente aumentati ed è anche in virtù di questo che si evince la necessità dell’esistenza e dell’efficienza del centro Punto

Per quanto concerne l’opera di sensibilizzazione e prevenzione di tale piaga, che Indiscutibilmente va fatta operando fra i giovani è all’interno delle scuole, mi ero personalmente impegnata con l’assessore Paola De Bonis per realizzare un interessante evento che si sarebbe dovuto tenere presso l’Auditorium di Foligno, dove sarebbe stata rappresentata con intervento delle scuol.

Un’opera teatrale patrocinata dalla Camera dei Deputati e dei senatori, oltre che dallo stesso comune di Foligno, intitolata Viola non è il mio nome, diretta è prodotta dal regista e scrittore teatrale Alberto Bottacchiari, il quale nel 2017 ha vinto il premio internazionale del cortometraggio alla casa del cinema a Marcello Mastroianni presso Villa Borghese in Roma, con uno short film intitolato mia, storia di violenza domestica e femminicidio.

All’evento sarebbero intervenuti i personaggi del mondo dello spettacolo notoriamente impegnati nella lotta contro la violenza femminile, nonché testimonianze dirette di donne che hanno trovato il coraggio di parlare.

La situazione Covid chiaramente ci ha impedito di realizzare l’evento il quale è stato solamente rimandato, perché ogni giorno vale la pena di essere Dedicato a tutte quelle donne quotidianamente vittime di abusi fisici e psicologici Per non dimenticare e per far sì che se ne possa parlare sempre meno, Ma in ogni caso quelle donne sappiano che l’amministrazione di Foligno c’è ed è al loro fianco.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*