Ospedale di Foligno, analisi dei primi significativi risultati della riorganizzazione delle attività ambulatoriali

Ospedale di Foligno, analisi dei primi significativi risultati della riorganizzazione delle attività ambulatoriali

Ospedale di Foligno, analisi dei primi significativi risultati della riorganizzazione delle attività ambulatoriali

Il programma di riorganizzazione delle attività della piastra ambulatoriale dell’ospedale di Foligno, in fase di avanzata attuazione, finalizzato a rendere più efficace ed efficiente la risposta assistenziale e abbattere i tempi di attesa, è stato al centro, ieri pomeriggio, di una riunione operativa promossa nella sala Alesini del “San Giovanni Battista” dalla Direzione strategica dell’Azienda Usl Umbria 2, dalla Direzione medica di Presidio e dai vertici della società consortile pubblica Punto Zero scarl.

I lavori sono stati aperti dal direttore della struttura ospedaliera dott. Mauro Zampolini che, esprimendo soddisfazione per l’avvio di questo nuovo modello, ha evidenziato la necessità di superare definitivamente la condizione attuale di criticità rappresentata dalle liste di attesa.

“Il progressivo aumento delle prenotazioni da parte degli specialisti per il follow-up e l’impegno dei professionisti della piastra ambulatoriale ospedaliera per trovare posti disponibili da riservare agli approfondimenti diagnostici – ha spiegato il dottor Zampolini – sta consentendo una effettiva ed efficace presa in carico dei pazienti.

Si stanno già vedendo i primi significativi risultati ma per mettere a regime il sistema e la nuova organizzazione occorreranno ancora alcune settimane.

Anche l’ingegner Giancarlo Bizzarri, amministratore unico di Punto Zero, la società che gestisce per il Servizio Sanitario Regionale l’organizzazione delle agende di prenotazione e ne elabora i dati, ha evidenziato il buon lavoro di squadra sin qui svolto e i primi confortanti risultati sul livello di attuazione di questa nuova modalità al servizio delle persone.

FILMATO CON DICHIARAZIONE ING. BIZZARRI

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*