Zuccarini, no alla polpetta avvelenata dello zuccherificio

Zuccarini, no alla polpetta avvelenata dello zuccherificio

Zuccarini, no alla polpetta avvelenata dello zuccherificio – Auditorium pieno di candidati e supporter e di tanto in tanto, presente anche qualche spettatore  per l’incontro con i candidato a Sindaco organizzato dalla Confesercenti di Foligno, che hanno espresso ognuno, i propri punti di programma a cronometro.

Tre minuti cadenzati su uno schermo gigante posto sulle loro teste. Un sunto della serata può essere questo, il candidato Pizzoni prende le distanze dalla precedente amministrazione per alcune cose non fatte o fatte male, Zuccarini dal canto suo ha posto in evidenza le mancanze di una città che vorrebbe essere cosmopolita e invece manca proprio di servizi essenziali, dai bagni alle panchine alla vicinanza agli esercenti e ai popoli che abitano le frazioni.

Entrando nel vivo del dibattito ha descritto l’attuale situazione di una città che non risponde minimamente ad uno standard turistico di eccellenza, per lo zuccherificio poi la proposta è quella di creare un polmone verde proprio nel cuore cittadino, mentre ad oggi in eredità di questa amministrazione vigente, ai folignati, restano le scelte fatte, una polpetta avvelenata che ipoteca il futuro della città pesantemente.

La sicurezza rimane sempre il primo punto in assoluto, visto che ci sono squadre speciali di Polizia in forza a Perugia disponibili al bisogno e che l’attuale sindaco di sinistra, non ha mai coinvolto nonostante i fatti gravi avvenuti in città.

I folignati, vogliono andare tranquillamente in giro per i vicoli della città, la criminalità non è uno spot elettorale, è quotidiana, Zuccarini vuole mettere un punto, vista la richiesta pressante della popolazione che nel tempo, ha dovuto cambiare abitudini, dalla chiave nella toppa della porta, alle inferriate esterne a allarmi pronti a scattare al bisogno.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*