Smantellamento campo rom, CasaPound, ci vuole inclusione sociale

Smantellamento campo rom, CasaPound, ci vuole inclusione sociale
Smantellamento campo rom, CasaPound, ci vuole inclusione sociale
Questa mattina poco dopo le otto, polizia, tecnici Enel e ruspe si sono presentate presso il campo Rom di Via Londra dando il via alle operazioni di smantellamento della zona divenuta oggetto di costruzioni abusive ormai da decenni. Secondo quanto appreso anche la polizia veterinaria sarebbe sopraggiunta vista la presenza di alcuni cani ritrovati sul posto. Sembra, dunque, sia giunta la fine di una lunga battaglia portata avanti da CasaPound Foligno e dai cittadini della frazione di Sant’Eraclio.
“Finalmente tornerà nella frazione folignate il quieto vivere e i cittadini potranno tornare a circolare liberamente e senza paure a tutte le ore del giorno e della notte. – dichiara Saverio Andreani, Responsabile di CasaPound Foligno – Parte da qui una forte risposta all’abusivismo, in favore del ripristino della legalità nel senso più ampio”.
Cristiano Giustozzi, candidato sindaco per CasaPound Italia dichiara: “La distruzione di precarie abitazioni e baracche, è una misura giusta di salvaguardia paesaggistica, ma che vogliamo debba rientrare in un piano più ampio, che garantisca un percorso di inclusione sociale a tutti: bambini ed adulti, padri e madri”.

“Integrarsi nel tessuto sociale nazionale e cittadino – conclude lo stesso Giustozzi – significa casa e lavoro per tutti, italiani in primis, ma alla base deve esserci il rispetto della nostra millenaria tradizione e la consapevolezza di abitare nella Nazione più bella del mondo”. (riceviamo da CasaPound Foligno)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*