CasaPound mostra Anpi foibe divide e viene strumentalizzata

 
Chiama o scrivi in redazione


CasaPound mostra Anpi foibe divide e si strumentalizza

CasaPound mostra Anpi foibe divide e viene strumentalizzata

Foligno 6 febbraio – Si è conclusa nella giornata di ieri la mostra organizzata dall’Anpi dal titolo “Foibe, una mostra che racconta gli anni dal 1918 al 1956”. La mostra ha avuto luogo per alcuni giorni presso l’ex teatro Piermarini, in pieno centro della città, lo scopo era quello di sensibilizzare la cittadinanza sulla strage​ delle Foibe, mostrando articoli e foto risalenti al periodo sopra citato.

Sarebbe bene capire per quale motivo si sono concentrati su un periodo di tempo così ampio invece di prendere in esame gli anni delle stragi titine. – dichiara Saverio Andreani, Responsabile​ di CasaPound Foligno – Si apprende poi, recandosi lì, che il tutto è stato fatto per cercare di addossare al fascismo la colpa di aver creato astio da parte degli jugoslavi verso gli italiani”.

“In breve si è cercato una specie di giustificazione alla violenza indiscriminata delle truppe di Tito. – continua lo stesso Andreani – Sembrerebbe una chiara volontà di politicizzare il tutto e dividere ancora una volta gli italiani su una tematica che invece dovrebbe unire tutti nel ricordo e nel rispetto delle vittime”.

Si parlava, nella mostra, del grande esodo che ne è nato, non si è fatta menzione, tuttavia, del trattamento che i compagni comunisti riservavano agli esuli costretti a fuggire da quelle terre. – conclude Andreani – Si parla di manifestazioni violente nei confronti di questi ultimi, aggressioni, sputi e spreco di cibo altrimenti destinato agli esuli. Avrebbero potuto ricordarli dignitosamente e senza alcuna strumentalizzazione, ma evidentemente non è stato fatto”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*