Trevi, Teatro Clitunno, Grazia Scuccimarra in Chiedo i danni

Due scoppiettanti e dirompenti ore di palcoscenico per puntare il dito contro i paradossi della società. E’ questo e molto altro lo spettacolo “Chiedo di danni” dell’attrice Grazia Scuccimarra in scena al Teatro Clitunno di Trevi venerdì 5 dicembre per la stagione di teatro contemporaneo organizzata da Fontemaggiore.

Questa grande attrice comica, con alle spalle una carriera costellata da tanti successi e da più di venti spettacoli, ci farà ridere, nonostante la situazione che stiamo vivendo oggi non sia per niente allegra.

Intanto, chiede i danni. Anzi, le piacerebbe una bella ‘class action’, visto che non c’è persona che non sia delusa dalla famiglia, dalla politica, dai rapporti umani in genere. E’ stata mortificata la scala dei valori in cui abbiamo creduto per una vita, vacilla il naturale diritto ad invecchiare serenamente, per non dire del diritto dei giovani a vivere gioiosamente.
Ma Grazia, come una leonessa, per quanto ferita, continua a darsi da fare: anche se tutto quello per cui si è spesa è andato in mille pezzi, lei non rinuncia a raccattare qua e là briciole dei suoi sogni, per rimettere in piedi qualcosa che somigli a una donna, a un uomo, a uno Stato, alla società civile.

Una satira serrata e mordente, un esilarante e brillante corso di orientamento “all’esistere”, una lezione semplice e irrevocabile, diretta e micidiale, arguta e sofisticata, nello stile intelligente, appassionato e coerente tipico di Grazia Scuccimarra.

Lo spettacolo fa parte del cartellone “Teatro di Stagione”, al suo secondo appuntamento. Dopo lo spettacolo a tutti gli spettatori sarà offerto un dolce a cura del Bar Chalet di Trevi.
Per conoscere tutto il programma visitare il sito www.fontemaggiore.it.
Per informazioni e prenotazioni contattare Fontemaggiore (tel. 075, 5286651) o la biglietteria del Teatro Clitunno (tel. 0742 381768, il giorno dello spettacolo dalle ore 18).

Trevi, Teatro Clitunno
venerdi’ 5 dicembre ore 21.15

Grazia Scuccimarra
in
Chiedo i danni

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*