Trevi, Multifunzionalità e multiprofessionalità, i segreti della nuova Casa della salute

Un nuovo modello di offrire cure primarie al cittadino in una struttura territoriale dove, in un unica sede, sarà possibile usufruire di servizi sanitari e sociosanitari usufruendo di un team multiprofessionale che permette la presa a carico del paziente sia in caso di malattie croniche e non solo.

Taglio del nastro per la nuova struttura sanitaria “La casa della salute” situata nel centro storico (palazzo Botta) di Trevi messa inaugurata oggi dall’Amministrazione comunale. “Le scelte politiche coraggiose e lungimiranti – ha spiegato il sindaco Bernardino Sperandio – consentono ad una comunità di progredire offrendo innovativi servizi ai cittadini e opportunità di sviluppo di attività nel centro storico cittadino.

La struttura non è solo funzionale ai bisogni della popolazione, ma anche molto bella dal punto di vista architettonico con spazi luminosi e vivibili. l’Azienda sanitaria sta lavorando in collaborazione con i medici di medicina generale e l’Amministrazione comunale al fine di organizzare la messa in funzione della nuova struttura che entrerà presumibilmente in funzione dal prossimo mese di giugno ed offrirà continuità assistenziale e servizi sociosanitari h 24, 7 giorni su 7.” Il taglio del nastro è stato preceduto da un incontro durante il quale sono state ripercorse le fasi progettuali che hanno accompagnato la trasformazione di palazzo Botta in Casa della salute.

A coordinare l’incontro è stato Roberto Venturini Assessore Politiche Sociali e Sanitarie Comune di Trevi. Sono intervenuti Bernardino Sperandio Sindaco Comune di Trevi; Paola Menichelli Direttore Distretto Foligno – Usl Umbria 2; Renato Frisanco Ricercatore Sociale; Marco Conti Coord. Sanitario Distretto Valdichiana USL 8 – Arezzo; Sabatino Orsini Federici Segretario Regionale FIMMG-Umbria; Andreani Luigi e Antonini Carlo Medici Medicina Generale; Mons. Luigi Piccioli Vicario Generale Archidiocesi Spoleto-Norcia; Sandro Fratini Direttore Generale AUSL Umbria 2. A tirare le conclusioni del convegno è stata Catiuscia Marini Presidente Regione Umbria.


Valerio Mancini

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
30 ⁄ 10 =