A Trevi, “Il Padre della Sposa”, due atti brillanti di Caroline Francke

foto da treviturismo.it

da Giobbe Furi
Con “il padre della sposa” la compagnia Teatrotredici è:
– finalista al Festival Internazionale del Teatro Amatoriale FITA 2014 Premio Città di Viterbo
(ha vinto il Premio per la migliore scenografia; nomination per il miglior attore non protagonista e nomination per il miglior attore protagonista)
– finalista alla VIII Rassegna Nazionale “Ascoli in scena” (13 dicembre al Palafolli di Ascoli Piceno).
– stata candidata tra i primi 3 allestimenti scenici nel Premio Nazionale Fitalia 2014.

Trama:
Papà ho una notizia meravigliosa: mi sposo! Quanti genitori hanno accolto con sgomento una frase del genere? Così inizia Il padre della sposa di Carolyne Francke, una delle commedie più esilaranti e attuali del panorama teatrale e cinematografico internazionale.
Portata anche sul grande schermo nel 1950 da Spencer Tracy, Joan Bennett e Liz Taylor e nel 1991 da Steve Martin, Diane Keaton, la commedia affronta con ironia il difficile momento del distacco dell’amata figliola dalla famiglia e lo stress dei preparativi per il suo matrimonio.
Tra gioie sincere ed un filo di malinconia il padre organizza l’evento senza risparmiarsi, accettando pure di affidarsi ad un organizzatore di matrimoni, che definirlo pazzoide è fargli un complimento. Ovviamente, fino al momento della luna di miele le penserà tutte pur di non perdere la sua amata bambina.
Situazioni divertenti, gag e battute si mescolano in un cocktail esplosivo di risate e sentimenti, di allegria e tenerezza.
La commedia è interpretata da Luciano Gubbini, Alessandra Marucci, Giuseppina Perla, Roberto Moretti, Maria Cristina D’Abbraccio, Emanuela D’Abbraccio, Antonio Lucci e Francesco Rossi.
Scene Enrica Coccia e Regia di Maria Cristina D’Abbraccio.

[divider]

Valerio Mancini

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
13 × 19 =