Pellegrinaggio “Una Terra. Una famiglia umana”, fa tappa a Foligno

Pellegrinaggio "Una Terra. Una famiglia umana", fa tappa a Foligno
Pellegrinaggio "Una Terra. Una famiglia umana", fa tappa a Foligno

Pellegrinaggio “Una Terra. Una famiglia umana”, fa tappa a Foligno
L’appuntamento è per il 2 ottobre alle 21 presso la “Taverna del Mediterraneo” in via San Govanni dell’Acqua 24 (Ex Molino delle Conce) per partecipare all’incontro con il gruppo di pellegrini partiti da Roma il 30 settembre da Piazza San Pietro dopo l’Udienza di Papa Francesco in cammino verso Parigi.

Un percorso di 1200 km con tappe in 30 comuni d’Italia per esprimere una pacifica preoccupazione verso gli effetti dei cambiamenti climatici sul futuro delle popolazioni.

Il Pellegrinaggio, organizzato e promosso per la tratta italiana da FOCSIV – Volontari nel Mondo in collaborazione con la Coalizione Italiana per il Clima, è stato ideato da The People’s Pilgrimage e OurVoices, un movimento di persone appartenenti a diverse comunità religiose guidato da Yeb Sano, ex- negoziatore sui cambiamenti climatici della Repubblica delle Filippine.

Il movimento, che aspira a diventare globale, punta i riflettori sulla Conferenza delle Nazioni Unite sul Clima (COP21) che si terrà a Parigi dal prossimo 30 novembre all’11 dicembre, occasione in cui tutti i Capi di Stato e di Governo, saranno chiamati a sottoscrivere un accordo in merito ai cambiamenti climatici del pianeta in una data che richiama i 20 anni dagli Accordi di Kyoto, con l’obiettivo di scuotere le coscienze dei leader mondiali per trovare una soluzione concreta, per porre rimedio alla povertà e iniquità che molte zone del globo vivono a causa degli stravolgimenti del clima e di conseguenza dell’ambiente.

“I disastri naturali sono eventi che nessuno mai desidera che accadano, ma non sono mai solo degli incidenti.” – ha dichiarato Yeb Sano –”Le comunità che sono più frequentemente colpite dagli effetti dei cambiamenti climatici sono quelle che già combattono una povertà paralizzante, la mancanza di accesso alla terra e alle risorse economiche, la discriminazione e che hanno alle spalle un’eredità pesante di colonialismo e malgoverno e subiscono le logiche del mercato dell’economia globale.

Fintanto che queste comunità nella periferia del mondo sono considerate un danno collaterale della crescita illimitata queste rimarranno sempre più vulnerabili. Per queste persone, per il futuro della Terra e della Famiglia Umana bisogna mettersi in cammino con loro e per tutti. Ogni passo conta.”

Il Pellegrinaggio è anche il risultato della riflessione sull’Enciclica Laudato si’ di Papa Francesco che invita a un cambiamento degli stili di vita, delle strutture economiche e finanziarie e a una svolta verso l’uguaglianza, la sostenibilità.

Al cap. 2 recita “Noi stessi siamo terra (cfr Gen 2,7). Il nostro stesso corpo è costituito dagli elementi del pianeta, la sua aria è quella che ci dà il respiro e la sua acqua ci vivifica e ristora»

Il Pellegrinaggio è aperto a tutti senza restrizioni in merito al numero di tappe o chilometri, ognuno può dare il suo contributo alla causa e grande è stata la risposta di attivisti, rappresentanti di associazioni, movimenti, comunità religiose diverse che con la voce e con i passi proporranno un cambiamento della società.

“Come ci ricorda Ghandi, grande camminatore”- ha sottolineato Gianfranco Cattai, presidente FOCSIV-“dobbiamo essere noi il cambiamento che vogliamo. E il pellegrinaggio rappresenta uno strumento potente per cambiare i nostri stili di vita e le strutture economico-finanziarie che alimentano un sistema insostenibile.”

Già nel 2014, diverse persone appartenenti a differenti comunità religiose si sono messe in cammino per un pellegrinaggio nelle Filippine, in un itinerario di 1000 km avente come tappe i luoghi colpiti dal tifone Haiyan. Quest’anno tocca all’Europa e non solo; pellegrinaggi di solidarietà simultanei si svolgeranno in Nord America, America Latina, Africa e Asia, Oceania e Pacifico.

Il programma prevede un cammino di 25 km al giorno e Foligno rappresenta la terza tappa del Pellegrinaggio; la Caritas Diocesana di Foligno insieme a AIMC – Associazione Italiana Maestri Cattolici e e L’Arca del Mediterraneo ospiterà e accoglierà i 30 pellegrini in arrivo per le 18 del 2 ottobre fino alla mattina del 3 ottobre dopo un incontro con le scuole della città.

La riflessione che verrà lanciata durante questo appuntamento sarà “la cura della casa comune” e con essa la speranza che venga raccolta e divulgata da un grande numero di cittadini di Foligno, d’Italia, d’Europa e del mondo!

Fra. Bocc.

Pellegrinaggio

Valerio Mancini

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
27 + 8 =