Litigano e si prendono a botte sul treno, polizia denuncia 25enne magrebino

Litigano e si prendono a botte sul treno uno dei due aziona il freno d’emergenza e fa bloccare il treno. La polizia denuncia 25enne magrebino per interruzione di pubblico servizio

Litigano e si prendono a botte sul treno, polizia denuncia 25enne magrebino

Litigano e si prendono a botte sul treno, polizia denuncia 25enne magrebino

Litigano e si prendono a botte sul treno uno dei due aziona il freno d’emergenza e fa bloccare il treno. La polizia denuncia 25enne magrebino per interruzione di pubblico servizio

FOLIGNO – È l’esito dell’ultima operazione portata a termine dal personale della Polizia di Stato appartenente alla Polizia Ferroviaria di Foligno. Nei giorni scorsi due uomini magrebini, 25enni, residenti fuori regione e già noti alle Forze dell’Ordine, in transito a bordo di un treno percorrente la tratta Ancona – Roma, hanno cominciato a picchiarsi violentemente per motivi personali, presumibilmente per un prestito di danaro non restituito.

Uno dei due, barricatosi all’interno di una vettura, ha azionato il freno di emergenza. Immediato l’intervento degli agenti della Polfer folignate, contattati dal personale di Trenitalia in servizio a bordo treno, che hanno individuato ed identificato i soggetti coinvolti, riportando la calma. I soggetti sono stati quindi accompagnati presso gli uffici e successivamente trasportati presso il Pronto Soccorso dell’ospedale di Foligno in quanto si erano procurati delle lesioni durante la zuffa.

Gli accertamenti successivi hanno permesso di appurare quale dei due avesse tirato il freno di emergenza denunciandolo alla competente Autorità Giudiziaria per l’ipotesi di reato di interruzione di un pubblico servizio. Per lui scatterà, inoltre, la sanzione amministrativa prevista dalle norme ferroviarie e dovrà pagare non solo una multa di oltre 500 euro ma anche l’eventuale risarcimento che Trenitalia Spa potrà richiedere per il ritardo accumulato dal treno.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*