Galleria La Franca, spessore calcestruzzo non conforme, interviene l’onorevole Gallinella

SONY DSC

“Le dichiarazioni del neopresidente dell’Anas, Gianni Armani, sono l’ennesima conferma della necessità di una maggiore trasparenza nella costruzione e gestione delle opere infrastrutturali in tutto il territorio nazionale, compresa l’Umbria”. E’ quanto commenta il deputato 5stelle Filippo Gallinella in merito alle nuove rivelazioni relative alla galleria sulla statale Foligno-Civitanova, tra l’Umbria e le Marche, in corso di realizzazione nell’ambito dei lavori del Quadrilatero Marche-Umbria, da mesi sotto accusa per la qualità e la quantità dei materiali utilizzati e oggetto di ispezioni anche da parte di Anas. La relazione del progettista è stata, oggi pomeriggio 4 giugno, al centro della risposta scritta del sottosegretario Del Basso De Caro alle interrogazioni parlamentari presentate sulla galleria, tra cui quella a prima firma del deputato Gallinella.

“Dalla risposta del sottosegretario – precisa l’onorevole Gallinella – si evince che per circa il 23% della canna nord e per circa il 32% della canna sud si evidenziano riduzioni di spessore superiori a 5cm, dei quali complessivamente il 10% circa presenta entità superiore ai 20 cm. Nell’ambito di tale 10% e per una quota pari al 3% saranno previsti interventi integrativi, a carico del Contraente generale, prima del collaudo, per esempio il placcaggio con lastre di acciaio. Gli interventi integrativi saranno definiti in dettaglio con una specifica progettazione. Pretendiamo ora – rincara il deputato umbro 5stelle – massima trasparenza”.

La galleria La Franca è tra le opere inserite dal M5S nell’esposto presentato ad aprile scorso alle Procure competenti e alla Direzione Investigativa Antimafia relativo alla composizione a rischio di conflitto d’interesse della commissione di Valutazione Impatto Ambientale, l’organismo che valuta l’impatto sul territorio e l’ambiente delle grandi opere e autorizza gli appalti. “Distinguere la posizione di controllori e controllati – sottolinea Gallinella – è ormai un atto dovuto per garantire la sicurezza dei cittadini”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*