Caterina Lucangeli sa aspettare, in primavera rivelerà i suoi assi nella manica

Caterina Lucangeli sa aspettare, in primavera rivelerà i suoi assi nella manica

Caterina Lucangeli sa aspettare, in primavera rivelerà i suoi assi nella manica

di Mariolina Savino
Caterina Lucangeli sente la responsabilità dei voti presi in campagna elettorale, neofita della politica e cosciente del fatto che dopo 73 anni, il centrodestra, per la prima volta amministra il Comune di Foligno ha voluto capire, studiare e prepararsi per essere utile alla sua comunità.

“La grande gioia provata nel momento della vittoria, oggi lascia il posto alla responsabilità civile e politica, di dare nuovo impulso alla città di Foligno.
L’attuale crisi sanitaria non aiuta, ho comunque approfittato del tempo a disposizione  per approfondire i  principali temi cittadini e cercare le migliori soluzioni per problematiche esistenti e poter infine formulare le mie proposte.

Il Sindaco Zuccarini mi ha conferito due importanti incarichi: quello allo sviluppo del territorio e ai grandi eventi e in virtù di questo, alla fine del 2019 ho invitato personalmente il prof. Sgarbi presso Palazzo Trinci ove gli è stato assegnato il prestigioso premio La Rosa dell’Umbria per l’arte e la cultura.

L’intento di Sgarbi, è quello di rivalutare le opere prestigiose dei nostri concittadini che si sono distinti nella storia e nelle arti e reinserire Foligno all’interno del circuito turistico e culturale umbro, dal quale la città è rimasta ai margini.

Contestualmente nei primi mesi del mio mandato, mi sono occupata dell’Open Fiber, un progetto importantissimo per la città e per lo sviluppo lavorativo e territoriale, soprattutto in questo momento storico, grazie al quale, in buona parte della città e nelle frazioni montane, ci sarà la possibilità di usufruire della connessione  veloce della fibra  to the Home a costo zero per le casse comunali perché  finanziata da alcune importanti società creditizie e dalla BEI (Banca per gli Investimenti Europei). L’azienda, alcuni mesi prima della campagna elettorale, aveva stilato una convenzione con la passata Amministrazione e che avrebbe dovuto iniziare ad operare gia’ da tempo, mi contatta  per poter intervenire, a rischio c’era la possibilità reale di perdita il budget già destinato al Comune di Foligno.

Il periodo pandemico non ha favorito la realizzazione dei progetti che avevo in cantiere, tra gli altri, un interessante evento che si sarebbe dovuto tenere il 25 Novembre in occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Evento concertato con all’assessore prof. Paola de Bonis, la quale, per sua nota sensibilità verso tali problematiche, ha condiviso l’idea di una piece teatrale, con il coinvolgimento delle scuole, presso l’Auditorium di Foligno, patrocinata dalla Camera Dei Deputati e dei Senatori e ovviamente dal comune di Foligno, avente ad oggetto tematiche come il femminicidio, ideata e diretta da Alberto Bottacchiari.

Per quanto concerne  il mio incarico allo sviluppo del territorio ho  partecipato attivamente ad un interessante progetto in itinere riguardante l’ambiente  con il Sindaco e l’assessore Decio Barili, progetto attualmente in lavorazione che sarà reso noto, appena verrà data l’ufficialità.

In previsione di una primavera 2021 finalmente  covid free, mi sto infine interessando di due grandi progetti, uno a carattere socio sanitario e l’altro, ancora top secret,  è un grande sogno di una folignate, che cerca di avere una visione chiara del futuro e che  per scaramanzia, lo custodisce in un cassetto, convinta che viviamo in un luogo fantastico e del fatto che spesso i sogni, potranno presto divenire realtà!”

Pensa di vaccinarsi? “Certamente, l’unica via di uscita da questo incubo, bisogna ritornare in fretta alla nostra vita anche se, non sarà più la stessa.” Qual è il suo augurio per i suoi concittadini? “Un augurio semplicissimo e sentito a tutti i folignati, vivere questo Natale singolare  come una transizione  ma con prudenza, un passaggio verso una riconquistata normalità.”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*