M5S Foligno, Mosca olearia: l’informazione e la prevenzione mancata

Meetup 5 Stelle Bevagna convoca assemblea cittadina

La Mosca dell’Olivo è stata oggetto di numerosissimi studi e ad oggi sono note le strategie di difesa. L’incidenza negativa sulla produzione olivicola della mosca olearia (Bactrocera oleae) è ormai un dato acquisito ed è causata dalle condizioni climatiche sfavorevoli che hanno consentito il proliferare della mosca. Questo ha decretato il 2014 come annata nera dell’olio italiano.

Il Movimento 5 stelle Foligno richiama l’attenzione sulle gravi ripercussioni sul territorio umbro e nel Folignate: crollo verticale della produzione con flessioni fino all’80% rispetto al 2013, compromissione del futuro per molte aziende, cooperative e frantoi.

Dal mese di luglio ad oggi, il servizio fitosanitario umbro ha emanato numerosi e puntuali bollettini, pubblicati sul sito della Regione Umbria, che aggiornavano costantemente sulla diffusione dell’insetto nella Regione. Il Movimento 5 Stelle di Foligno evidenzia che questi avvisi avrebbero potuto giocare un ruolo fondamentale nella prevenzione dell’infestazione se fossero stati capillarmente pubblicizzati e diffusi tra gli agricoltori, soprattutto comunicando che la mosca olearia può essere efficacemente combattuta attraverso la prevenzione con metodi biologici di cattura massale.

La produzione è compromessa, sono chiare le gravi perdite subite dagli agricoltori (che tramite le associazioni di categoria invocano lo stato di calamità), il fondo nazionale a cui attingere è ormai vuoto a fronte delle emergenze degli ultimi anni. Un possibile modo per far fronte a episodi come questo è ricorrere a sistemi di gestione del rischio come l’assicurazione agevolata – che ad oggi, per questo specifico tipo di infestazione, non è coperta dal piano assicurativo agricolo nazionale e quindi non può accedere ai contributi comunitari sul premio – o sistemi alternativi come i fondi di mutualizzazione, previsti dal Piano Nazionale per lo Sviluppo Rurale (PSRN).

I consiglieri pentastellati di Foligno Savini e Baldaccini presentano il 3 dicembre una mozione in Consiglio Comunale affinchè il Comune di Foligno si impegni a:
far pervenire a tutti gli agricoltori del Comune di Foligno, tramite posta cartacea o elettronica, i bollettini fitosanitari pubblicati dalla Regione Umbria relativi all’infestazione della mosca olearia sul territorio umbro, nonché tutto il materiale disponibile relativo alle altre fitopatologie e ai cambiamenti climatici che influenzano la gestione delle colture Tali informazioni possono essere fondamentali per la prevenzione dalle calamità, ormai sempre più frequenti;

promuovere la diffusione dell’informazione sugli strumenti di gestione del rischio agricolo, previsto da nuovo Piano di Sviluppo Rurale Nazionale (PSRN) in collaborazione con le Regioni, le associazioni di categoria e le Università, affinché gli agricoltori siano correttamente informati dei propri diritti e delle possibilità di scelta della migliore prevenzione possibile.

Secondo i consiglieri del M5S Foligno, è anche e soprattutto attraverso queste azioni concrete, calate puntualmente nel contesto, che si persegue la tutela del territorio, del reddito dei propri concittadini, del mondo agricolo e complessivamente dell’economia di un’intera comunità. E’ attraverso strumenti agevoli, una buona pratica amministrativa, sensibilità e il tempismo che si affrontano e risolvono i problemi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*