Gualdo Cattaneo, cittadinanza a Segre, replica l’amministrazione comunale

 
Chiama o scrivi in redazione


Gualdo Cattaneo, presentazione del candidato sindaco Enrico Valentini

Gualdo Cattaneo, cittadinanza a Segre, replica l’amministrazione comunale

“Lo Statuto Comunale di Gualdo Cattaneo, come evidenziato nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale, non prevede alcuna disposizione in merito alla possibilità di concedere la “Cittadinanza Onoraria”. A tal proposito la maggioranza si è fin da subito resa disponibile ad una eventuale modifica e/o integrazione dello stesso, anche con l’istituzione di un’apposita commissione. La proposta è stata ovviamente immediatamente rigettata dal gruppo di minoranza in quanto espressamente dichiarata la mozione “atto di indirizzo politico”. Ad affermarlo l’amministrazione comunale di Gualdo Cattaneo in merito alle recenti polemiche, insorte a seguito della mancata approvazione nel Consiglio Comunale della mozione presentata dal Gruppo di Minoranza relativa alla concessione della Cittadinanza Onoraria alla Senatrice Liliana Segre.

“Essendo l’azione amministrativa fondata su regole istituzionali certe e predeterminate – spiega l’amministrazione comunale –  l’assenza di quest’ultime non può sicuramente essere considerata come aspetto secondario proprio al fine di evitare strumentalizzazioni. E’ pertanto facilmente comprensibile a tutti di chi sia l’intenzione di strumentalizzare la proposta fin dall’inizio.

Saremmo ben lieti di ospitare la senatrice Segre – che non ha certo bisogno di “Cittadinanze Onorarie” su tutto il territorio nazionale – nel nostro comune. La tutela della memoria storica non deve essere mai dimenticata, come peraltro sostenuto e perseguito in tutte le occasioni dall’attuale Amministrazione Comunale.

Non risponderemo più a qualsiasi altra provocazione o polemica.  Sarebbe piuttosto auspicabile che la minoranza partecipasse attivamente al dibattimento politico, abbandonando la sistematica strumentalizzazione ideologica, formulando proposte concrete a tutela della cittadinanza che, mai come in questo momento storico, sarebbe utile condividere”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*