Innovazione scenografica per l’Osteria del Carnevale a Sant’Eraclio

Lo spazio enogastronomico che caratterizza la rassegna carnascialesca per l’aspetto tipicamente godereccio da oltre trent’anni, è ospitato nei locali parrocchiali di via Primo Maggio.

 
Chiama o scrivi in redazione


Innovazione scenografica per l’Osteria del Carnevale a Sant’Eraclio

Innovazione scenografica per l’Osteria del Carnevale a Sant’Eraclio

FOLIGNO – Un sipario aperto in cartapesta di colorerosso vermiglio con sopra il logo del Carnevale dei Ragazzi e la scritta Osteria su uno sfondo celeste chiaro invita quest’annogli avventori a degustare le eccellentispecialitàculinarie delceleberrimo locale di Sant’Eraclio.Una raffinata innovazione scenografica ideata e realizzata dal neo responsabile dell’Osteria il 25enne Francesco Silvestri con il fine di focalizzare l’attenzione sull’ubicazione fornendogli una maggiore visibilità.

© Protetto da Copyright DMCA

Lo spazio enogastronomico che caratterizza la rassegna carnascialesca per l’aspetto tipicamente godereccio da oltre trent’anni, è ospitato nei locali parrocchiali di via Primo Maggio.

Si avvale della fattiva collaborazione dei ragazzi dell’Oratorio “Don Mariano” che si destreggiano con abilità e professionalità tra i tavolisottolineando le novità del menù e consigliando ai buongustai i piatti più caratteristici e tipici della gastronomia umbra cucinati con ricercati ingredienti dallo chef Edelweiss Busciantella Ricci.Il menu consiglia come preludio un appetitoso sformatino di fave con fonduta di pecorina e croccantini dibarbazza, antipasto misto all’italiana e bruschette a scelta.Tra i peccati di gola, strozzapreti salsiccia, tartufo e radicchio, orecchiette alla pecorara, polenta al ragù.

Tra i piaceri della carne si propongono succulenti arrosticini di pecora, pagliata, coratella, lumache al sugo. Per il contorno verdura campagnola ripassata. Il tutto annaffiato con boccali di greghetto, sagrantino passito scacciadiavoli e vino bianco pinot e rosso merlot dell’Osteria. Per addolcire il palato una varietà di dessert. Per apprezzare tali prelibatezze è indispensabile che i buongustai si rechino all’osteria sino a martedì grasso 13 febbraio dalle ore 19,30 alle 24.

In questi giorni si sta registrando una notevole affluenza di visitatori alla Mostra fotografica e culturale del “Carnevale più grande dell’Umbria e tra i più antichi d’Italia”. Poiché tale evento ha anche un aspetto prettamente pedagogico sono attese numerose prenotazioni da parte degli istituti scolastici cittadini di ogni ordine e grado.

Responsabile Comunicazione del “Carnevale dei Ragazzi” di S.Eraclio

AndreaPiermarini

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*