Nazione Rom denuncia comune di Foligno e Regione Umbria

Nazione Rom, denuncia comune di Foligno e Regione Umbria

Nazione Rom denuncia comune di Foligno e Regione Umbria

Marcello Zuinisi legale rappresentante Associazione Nazione Rom (ANR) ha presentato alla Guardia di Finanza una denuncia/querela contro il Sindaco di Foligno, l’ex Sindaco, il Presidente della Regione Umbria e l’ex Presidente. Il Fascicolo è stato trasmesso alla Procura della Repubblica c/o il Tribunale di Roma, messo a disposizione del Gip Maria Clementina Forleo. Gli atti sono stati inoltrati anche ad Autorità Nazionale Anticorruzione, Corte dei Conti, Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ed al Presidente della Commissione Europea Ursula Von Der Leyen.

Nel Tribunale di Roma è aperto un fascicolo, iscritto nel registro delle notizie di reato dal 20 ottobre 2017, affidato ai Pm Pioletti Alberto e Golfieri Maria Letizia, dopo plurime denunce presentate da ANR nei confronti di note personalità pubbliche relative agli Accordi Quadro Strutturali, Strategia Nazionale di Inclusione, truffe in atto, sull’utilizzo dei Fondi Strutturali Europei finanziati dalla Commissione Europea all’Italia, per il periodo 2014 – 2020, un totale di 7 miliardi di euro, violenze, razzismo, abusi di ufficio ed omissioni di soccorso contro Rom, Sinti, Caminanti (RSC).

L’Italia ha sottoscritto Accordi Quadro Strutturali Europei, in sede di Consiglio Europeo il 23-24 giugno 2011, ratificando la comunicazione n. 173 Commissione Europea ed emanando la Strategia di Inclusione RSC con UNAR punto di contato nazionale. Da quegli accordi è scaturito il finanziamento dei fondi strutturali forniti allo Stato Italiano, tramite programmi nazionali e regionali, per l’inclusione sociale di RSC, poveri, senza fissa dimora, vittime di tratta e schiavitù, detenuti ed ex detenuti, minori stranieri non accompagnati: PON Inclusione (Programma Operativo Nazionale) finanziato con 1.250.000.000 euro, PON Metro finanziato con 894.000.000 euro, POR (Programma Operativo Regionale) FSE 2014 – 2020 Regione Umbria finanziato con 237.000.000 euro, di cui, per asse II, “inclusione sociale e lotta alla povertà”, 55.526.158 euro, POR FESR Regione Umbria finanziato con 412.293.204 euro, e POR FEASR Regione Umbria finanziato con 930.000.000 euro. https://ec.europa.eu/info/policies/justice-and-fundamental-rights/combatting-discrimination/roma-and-eu/roma-integration-eu-country/roma-integration-italy_en

Il 20 marzo 2019, l’ex Sindaco ha ordinato di radere al suolo un campo Sinti in Via Londra, località Sant’Eraclio in applicazione ordinanza del Tribunale, procedendo ad espropriare una parte dei terreni appartenenti a cittadini ivi residenti da 25 anni. Nell’eseguire questa operazione, il Comune di Foligno ha lasciato intere famiglie con bambini, anziani e disabili al buio e senza servizi essenziali, omettendo intervento di supporto e soccorso di Protezione Civile, la cui responsabilità locale e regionale, in materia di soccorso della popolazione, è ascritta al Sindaco ed al Presidente della Regione Umbria.

Dal 20 aprile 2019, ad oggi, la situazione per le famiglie di Via Londra, è rimasta identica. Da 7 mesi (210 giorni), assistiamo ad una “omissione di soccorso” da parte delle autorità preposte. RSC non hanno beneficiato di alcuna misura di inclusione sociale ed accesso a casa, lavoro, scuola , sanità come invece previsto, entro il periodo 2014 – 2020. Il 3 marzo 2020, alle ore 11.30, è convocata c/o il Tribunale di Roma una Camera di Consiglio dal Gip Forleo che dovrà decidere se rimandare a giudizio i responsabili di quanto denunciato negli ultimi due anni e mezzo.

 



 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
16 − 9 =