Capo Prociv, Angelo Borrelli, risponde a Nazione Rom, non abbiamo competenza

Capo Procv, Angelo Borrelli, risponde a Nazione Rom, non abbiamo competenza

Capo Prociv, Angelo Borrelli, risponde a Nazione Rom, non abbiamo competenza

Stamani mattina, Angelo Borrelli Capo Dipartimento della Protezione Civile Nazionale c/o la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha risposto a Marcello Zuinisi legale rappresentante dell’Associazione Nazione Rom (ANR) in merito alla richiesta di soccorso per le famiglie di etnia Sinti presenti in località Sant’Eraclio, Comune di Foligno. Dal 20 marzo 2019, questi cittadini, vivono in una situazione paragonabile ad un post terremoto, per gli effetti dell’ordinanza emanata dal Sindaco di Nando Mismetti, il quale ha fatto  radere al suolo le abitazioni presenti nel campo in Via Londra.

Il dott Angelo Borrelli ha dichiarato che “il Dipartimento della Protezione Civile non ha competenza alcuna in ordine alla vicenda rappresentata“. Il documento è stato trasmesso a Prefetto di Perugia, Sindaco di Foligno, Procura della Repubblica c/o il Tribunale di Perugia, Questura di Perugia, Commissariato di Foligno, Comando Provinciale dei Carabinieri di Perugia, Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Perugia, Presidente della Regione Umbria, Ministero dell’Interno, Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali, Presidenza della Repubblica e Studio Legale Enrico Rosi Cappellani.

Il 2 aprile 2019, la richiesta di intervento di protezione civile con invio di 7 container ed una cisterna di acqua potabile era già stato richiesto al Sindaco di Foligno Nando Mismetti, il quale ha omesso ogni risposta, non occupandosi minimamente di una emergenza che vede coinvolti nuclei familiari con minori, anche di tenerissima età, soggetti con autentiche fragilità, anziani, disabili, costretti a vivere in macchina o dentro roulotte fatiscenti. Le famiglie sono composte dai seguenti cittadini italiani: 1) La Fleur Fiorello, Annalia Querini, La Fleur Chiara, La Fleur Clara, 2) Querini Angelo, Aurelia Giulia (in stato interessante) 3) Querini Angelica, Querini Nicol (11 anni), 4) Querini Attilio, Conci Letizia, Querini Noemi (8 mesi), 5) Piani Orlando Bindo, Adesburg Monica, 6) Piani Giesù, Di Chiara Michel, Piani Raian (8 mesi), 7) Piani Gesuel, La Fleur Alisca, Piani Aron (2 anni), Piani Rayli (1 anno). 

Nessuna risposta scritta è giunta all’Associazione Nazione Rom (ANR) neanche da parte della Prefettura di Perugia e da parte del Presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini, la quale, nel frattempo, è stata indagata, in questi giorni, nel merito di una vicenda che ha portato all’arresto del Segretario Regionale del Partito Democratico e dell’Assessore Regionale alla Sanità su questioni riguardanti vicende legate agli Ospedali, alle Aziende Sanitarie, concorsi truccati, assunzioni illecite di amici, amanti e parenti.

Il 29 marzo 2019, ANR aveva già denunciato alla Legione dei Carabinieri Stazione di Foligno ed alla Procura della Repubblica di Perugia, il Sindaco Mismetti, per omissione di soccorso, chiedendo al contempo apertura di inchiesta sui Fondi Strutturali Europei ricevuti dal Governo e dalla Regione Umbria per il periodo 2014 – 2020: 7 miliardi di euro di denaro pubblico stanziato dalla Commissione Europea per l’inclusione sociale di Rom Sinti Caminanti (RSC), Senza fissa Dimora, Vittime di Tratta e di Schivitù, Minori Stranieri non accompagnati, Detenuti ed ex Detenuti. Lo stesso giorno si era tenuta una marcia pacifica di protesta, partita da Via Londra – località Sant’Eraclio e conclusasi in Piazza Repubblica davanti al Comune di Foligno.  

Adesso chiediamo ai nostri concittadini, ai media, all’opinione pubblica ed alle istituzioni: chi è responsabile della Protezione Civile a Foligno e nella Regione Umbria? Perchè le famiglie Sinti di Sant’Eraclio non sono state ancora soccorse da parte delle istituzioni locali e regionali?

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*