Borghi sicuri a Foligno, due stranieri irregolari fermati dalla polizia

Borghi sicuri a Foligno, due stranieri irregolari fermati dalla polizia

Borghi sicuri a Foligno, due stranieri irregolari fermati dalla polizia

Nell’ambito del Progetto “Borghi Sicuri”, proseguono i controlli straordinari del territorio da parte degli agenti del Commissariato di Foligno, coadiuvati dagli equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine “Umbria-Marche” e dagli operatori della Polizia Locale, con il fine di prevenire e contrastare i reati predatori, i furti, lo spaccio di stupefacenti e l’immigrazione clandestina.

Le pattuglie impiegate hanno effettuato i controlli sia nella zona del centro storico, particolarmente affollata dai giovani e dai turisti, sia le zone più periferiche e le principali strade di accesso alla città.

L’attività, in coerenza con la progettualità della Questura di Perugia, è stata preceduta da un briefing nell’ambito del quale sono state analizzate le principali caratteristiche dei territori interessati e individuati gli obiettivi critici da monitorare.

Durante il servizio, coordinato dal Dirigente del Commissariato, sono stati effettuati pattugliamenti – anche appiedati – delle zone più interessate dalla movida estiva.

Numerosi, inoltre, i posti di controllo lungo le strade principali di accesso e di uscita ai comuni oltre che nelle zone più periferiche, al fine di assicurare una funzione di deterrenza rispetto al compimento di furti in abitazione e reati in genere.

All’esito dell’attività sono state identificate 78 persone e sono stati sottoposti a controllo 35 veicoli.

Nell’ambito del servizio sono state verificate le posizioni di 10 cittadini extracomunitari, due dei quali invitati a presentarsi ai sensi dell’art. 15 T.U.L.P.S. presso gli uffici del Commissariato per la verifica della loro regolarità sul territorio nazionale.

È importante sottolineare il clima di grande collaborazione che gli agenti hanno trovato presso tutti i cittadini interessati dai controlli.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*