Memoria e illuminazione, a Bevagna e Foligno la mostra di Massimo Nardi

 
Chiama o scrivi in redazione


Memoria e illuminazione, a Bevagna e Foligno la mostra di Massimo Nardi

Si chiama “Memoria e illuminazione. Sulle orme di Leonardo, Michelangelo, Raffaello” ed è la mostra del bevanate Massimo Nardi che vedrà la collaborazione tra due città. Si tratta di Bevagna e Foligno che, attraverso una vera e propria “staffetta”, ospiteranno le opere realizzate dall’artista. L’anteprima e la presentazione del progetto che va “dalla pandemia alla rinascita” è prevista a palazzo Lepri (sala consiliare) di Bevagna per sabato 24 luglio 2021 alle 18. L’appuntamento, moderato dal vicesindaco del Comune di Bevagna con delega alla Cultura, Rita Galardini, vedrà diversi interventi.

A prendere la parola saranno Annarita Falsacappa, sindaco di Bevagna, l’assessore alla Cultura di Foligno Decio Barili, il giornalista Antonio Carlo Ponti e lo stesso protagonista della mostra, Massimo Nardi, che per l’occasione proietterà anche un video. Successivamente la mostra si trasferirà a palazzo Candiotti di Foligno dal 25 luglio (inaugurazione alle 17.30) al 5 agosto 2021.

Terminata l’esposizione folignate, le opere si trasferiranno all’interno dell’auditorium di Santa Maria Laurentia di Bevagna dal 18 settembre (inaugurazione alle 17.30) al 3 ottobre 2021. “La pandemia ha smascherato le nostre fragilità più profonde e più nascoste e ha messo in luce i nostri bisogni più essenziali – spiega Massimo Nardi -. L’arte può aiutare a esorcizzare le paure legate all’ansia del vivere e in essa si può trovare sempre una via di fuga. Spero che la mia mostra possa esprimere speranza, tolleranza e pace”. Il progetto parte da riflessioni sulla storia dell’arte italiana del Rinascimento, con l’artista che ha dato spazio alla fantasia e ai colori.

“Il colore – commenta Nardi – ha la grandissima capacità di cambiare il mondo, di renderlo più gradevole, più adatto alle attese di chi viaggia alla ricerca di una dimensione nuova dell’esistenza”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*