Casa dei Popoli di Foligno, nuovo centro di raccolta per affrontare l’emergenza ucraina

Casa dei Popoli di Foligno, nuovo centro di raccolta per affrontare l'emergenza ucraina

 

Casa dei Popoli di Foligno, nuovo centro di raccolta per affrontare l’emergenza ucraina

La Casa dei Popoli di Foligno, in collaborazione con le tante e i tanti volontari della città, comunica l’apertura del nuovo centro di raccolta per affrontare l’emergenza in Ucraina e per aiutare le famiglie che fuggono dalla guerra.

Il nuovo centro, situato in Via Bolletta 20 a Foligno, alla base della Torre dei 5 Cantoni, messo a disposizione dal CAI di Foligno e dalla Amministrazione Comunale sarà attivo dal 5 aprile 2022.


Da Casa dei Popoli di Foligno


Cosa serve:

Servono indumenti in buono stato o nuovi, puliti.

La struttura raccoglierà principalmente vestiario per anziani donne e bambini ed ospiterà un piccolo emporio per dare indumenti alle famiglie rifugiate a Foligno e nelle città vicine.

Verrà offerto anche un servizio per beni alimentari di prima necessità e a lunga conservazione sia per le zone bombardate che per le famiglie.

Verranno raccolti medicinali da inviare negli ospedali ancora funzionanti: molti bambini hanno bisogno di cure. In particolare servono: antidolorifici, antibiotici, tachipirine, fans, pannolini per bambini e per anziani, traverse, assorbenti.

Verrà offerto anche un servizio di coordinamento tra le persone che hanno possibilità di accogliere e le tante famiglie in arrivo.

Ci sarà infine uno sportello dedicato alla assistenza alla documentazione e per indirizzare i nuovi arrivi.

Il centro avrà i seguenti orari:

dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 13 e dalle 15 alle 18 Sabato orario continuato tutto il giorno.

Tutti questi servizi verranno svolti in sinergia con le altre realtà che stanno già accogliendo e che stanno facendo molto per chi fugge.

Davanti a tanto dolore l’unica cosa da fare in questo momento è donare con generosità un po’ del nostro tempo e delle nostre risorse per costruire piccoli angoli di protezione e serenità a chi è stato travolto dall’orrore della guerra.

Ringraziamo le tante persone che hanno permesso di far partire questa macchina della solidarietà e ringraziamo in anticipo le tante e i tanti contributi che arriveranno.

Costruiamo la pace un passo alla volta, con piccoli gesti quotidiani. Vi aspettiamo”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*