Agenda Urbana, presentata campagna comunicazione

Agenda Urbana, presentata campagna comunicazione

Agenda Urbana, presentata campagna comunicazione. Spiegare ai cittadini di Foligno cosa è Agenda Urbana, attraverso vari strumenti  – pubblicazione cartacea, manifesti, roll up, app e un minisito dedicato– e come cambierà la città con i nuovi interventi, finanziati con 6,5 milioni e mezzo di fondi comunitari. Stamani è stata presentata la campagna informativa, con il logo “Vivo Foligno”, promossa dal Comune di Foligno che porterà in questi giorni una pubblicazione alle 24.760 famiglie del territorio comunale (sono già affissi i manifesti mentre il minisito sarà attivo dal 6 luglio).

Sono quattro i temi principali dell’Agenda Urbana del Comune di Foligno: cittadini, imprese e vita pubblica in città; mobilità e sosta nell’ambito urbano del centro storico; fruizione di beni culturali, partecipazione a eventi artistici e culturali; inclusione sociale attiva.

“Si guarda sempre di più al futuro con interventi volti ad accrescere il rapporto con il cittadino sulla base delle innovazioni tecnologiche sempre più diffuse anche grazie al rapporto con l’università di Perugia”, ha detto il sindaco di Foligno, Nando Mismetti. L’assessore Giovanni Patriarchi ha sottolineato che “gli interventi sulla mobilità, sull’illuminazione e sugli attrattori culturali sono a servizio di un centro storico che è già fruibile per sua natura e puntano a renderlo più attrattivo.

Voglio evidenziare che le innovazioni porteranno il cittadino a poter usufruire di alcuni servizi senza muoversi da casa, dal poter richiedere un certificato all’anagrafe al pagamento dei parcheggi e delle rette per gli asili. Nell’ambito degli interventi di Agenda Urbana – ha proseguito Patriarchi – ci sono alcune piste ciclabili e la realizzazione di due velostazioni (a piazza Matteotti e di fronte alla stazione) per agevolare il trasporto su due ruote. Inoltre i pali ‘intelligenti’ contribuiranno, tra l’altro, a ridurre il fabbisogno energetico, con conseguenti vantaggi ambientali, ad attivare il servizio di connessione wireles e a rilevare l’inquinamento acustico”.

Per la parte culturale si varerà un sistema di itinerari intorno a beni di interesse storico – culturale e ambientale integrati con il sistema unico di biglietti. Tra gli interventi di innovazione sociale previsti c’è anche la realizzazione di un parco agricolo (tra Sportella Marini e l’area del Capannaccio) di innovazione sociale con un laboratorio per la produzione biologica con il coinvolgimento di persone svantaggiate.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*