Fumogeni, Presidente Metelli telefona ai 6 popolani del Giotti rimasti intossicati

Metelli: "Ho chiamato per scusarmi, a nome di tutto il Popolo della Quintana"

 
Chiama o scrivi in redazione


Fumogeni, Presidente Metelli telefona ai 6 popolani del Giotti rimasti intossicati

Fumogeni, Presidente Metelli telefona ai 6 popolani del Giotti rimasti intossicati. Il Presidente dell’Ente Giostra, Domenico Metelli ha telefonato ai 6 ragazzi del Rione Giotti che domenica 18 settembre, prima della Giostra della Rivincita, sono rimasti lievemente intossicati in seguito all’accensione dei fumogeni da parte di alcuni Popolani. “Ho chiamato i sei popolani del Rione Giotti – ha detto il Presidente – per scusarmi, a nome di tutto il Popolo della Quintana, di quanto avvenuto prima della Giostra. I ragazzi del Giotti – ha aggiunto – stanno bene e ho voluto ricordare loro che quanto è accaduto domenica scorsa è frutto dell’eccessivo entusiasmo manifestato in occasione del Settantennale da tutto il settore riservato ai Popolani. Da alcuni anni, infatti, siamo abituati a vedere lo spettacolo dei colori dei fumogeni che non hanno creato mai problemi. Domenica scorsa, come al solito all’ingresso in Campo dei personaggi, quasi tutti i ragazzi dei Rioni hanno acceso i fumogeni ed un gruppo in particolare ne ha accesi un gran numero creando una cortina di fumo che ha invaso il settore occupato dal Giotti e costringendo alcuni Popolani a ricorrere alle cure dei sanitari. Peraltro anche gli stessi Popolani che hanno acceso i fumogeni sono rimasti lievemente intossicati. Per questo ho voluto esprimere la mia solidarietà al Rione Giotti che ha vissuto un brutto momento proprio nel giorno della grande Festa. Si tratta, ripeto, assolutamente di un episodio frutto dell’entusiasmo. Nei giorni scorsi comunque – ha concluso il Presidente Metelli – ho riunito Magistrati e Priori proprio per discutere di quanto avvenuto in Campo e per mettere a punto misure per evitare che si ripetano tali spiacevoli episodi”.  

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*