Mogol racconta Mogol Premio Città di Mevania venerdì 17 gennaio


Scrivi in redazione

Mogol racconta Mogol Premio Città di Mevania venerdì 17 gennaio

Mogol racconta Mogol Premio Città di Mevania venerdì 17 gennaio

Questa mattina, al palazzo comunale di Bevagna, si è svolta la conferenza stampa di presentazione dell’evento Mogol racconta Mogol in programma venerdì 17 gennaio 2020 al teatro Torti di Bevagna dove l’amministrazione comunale consegnerà all’autore Mogol il Premio città di Mevania, quale riconoscimento alla carriera artistica e al suo indimenticabile repertorio.

L’evento Mogol racconta Mogol è organizzato dalla New Age Agency Organization con il patrocinio del comune di Bevagna.

Oltre all’omaggio del comune di Bevagna, l’autore Mogol riceverà anche due opere dell’artista folignate Tamara Ottaviani, nipote di Bruno Ottaviani, detto Villarello, famoso per aver dipinto  molti pali della Giostra della Quintana di Foligno.

Al tavolo dei lavori erano presenti Annarita Falsacappa, sindaco del comune di Bevagna, Rita Galardini, vice sindaco nonchè assessore alla cultura, Francesco Spano, organizzatore dell’evento, Maria Moroni, moderatrice della serata, Marco Bosi, marito di Deborah Bonucci, la giovane mamma folignate che, per affrontare le cure necessarie in Israele per combattere una malattia, necessità della rete di solidarietà.

Sindaco di Bevagna Annarita Falsacappa

“Mogol, indiscusso poeta internazionale, è conosciuto da molte generazioni e apprezzato anche per il lavoro nei confronti dei giovani talenti.

Per noi averlo a Bevagna è un grande onore. Il pubblico avrà così la possibilità di ascoltare la storia della sua vita attraverso le sue poesie.

La serata ha una finalità non solo culturale ma anche solidale nei confronti di una giovane donna e mamma folignate Deborah Bonucci che affida alla solidarietà la speranza della buona riuscita delle cure. Per questo siamo vicini a lei e alla sua famiglia mettendoci a disposizione per la realizzazione di questa grande aspettativa”.

Vice sindaco e assessore alla cultura Rita Galardini

“ Il premio città di Mevania che l’amministrazione comunale bevanate consegnerà al maestro  Mogol è una creazione dell’artista Mauro Tiberi. E’ un libro riprodotto con le tecniche medievali, utilizzando carta bambagina.

Mogol con la sua prolifica attività di autore di testi è riuscito a toccare le corde più intime della nostra sensibilità dando voce ad una varietà di emozioni e sentimenti nei quali tante generazioni si  rispecchiano”.

Marco Bosi,  marito di Deborah Bonucci

“ La raccolta fondi è gestita direttamente dalla famiglia di Deborah. Il tutto per affrontare le cure necessarie in Israele per combattere un tumore al seno metastatico ai polmoni.

E’ emozionante sapere che anche il comune di Bevagna e l’organizzazione dell’evento siano sensibili alla nostra causa di solidarietà. La raccolta fondi avverrà con una scatola posta all’ingresso del teatro. In ogni modo è possibile fare donazioni anche tramite il c/c con il relativo Iban :

Marco Bosi – Ubi Banca

IT 12L 0311121700000000002234

Programma

 Venerdì 17 Gennaio 2020, alle ore 20:45, si alzerà il sipario sull’autore Mogol che svelerà il vero significato delle parole scritte in tutta la sua vita artistica. Il tutto accompagnato al piano dal Maestro Giuseppe Gioni Barbera.

A dare avvio alla serata sarà il Maestro folignate Luca Giuliani eseguendo al pianoforte alcune sue composizioni e due omaggi a Mogol.

Moderatrice della serata: Maria Moroni

Presentatrice della serata: Daniela Rinaldi

Autore Giulio Rapetti Mogol

L’autore Mogol è molto legato alla terra umbra tanto da creare nel 1992, ad Avigliano Umbro (Tr), il CET – Centro Europeo di Toscolano, ovvero il centro di eccellenza universitario della musica popolare con lo scopo di valorizzare e qualificare nuovi professionisti della musica pop.

Crediamo che la formazione dell’essere umano e del suo equilibrio interiore – prima ancora che dell’artista – sia fattore formativo primario per far sì che sviluppi una solida capacità autocritica e che in seguito la sua comunicazione artistica possa essere portatrice di valori sani e positivi per la gente comune, per renderla capace e in grado di elevarsi anche spiritualmente.

L’Umbria mi ha accolto a braccia aperte e, quando, nei primi anni del 1990 presentai il progetto del CET, la Regione fu molto solidale con le necessità per la sua realizzazione. Negli anni successivi, aimhè, non ottenemmo alcuna borsa di studio nonostante l’attività anche internazionale. Ora, a dir la verità, confido nella nuova gestione regionale insediata a fine Ottobre 2019.

Ricevere un premio è sempre gratificante – prosegue Mogol – quando ascolto la musica cerco di capire cosa stia dicendo per aggiungerci poi le parole più adatte. Non ho mai lavorato di fantasia, ma le mie parole sono ricordi di vita, comuni in fondo a tutti noi.

Quando la musica e le parole dicono la stessa cosa, nasce l’emozione.

In questi tipi di spettacoli, spiego il vero senso delle parole che ho scritto”.

 Pianista maestro Giuseppe Gioni Barbera

Pianista – compositore

 Nato a Palermo, classe 1967, dal 1996 è docente al CET del corso di compositori di musica pop.

Fin da subito ha creduto nel progetto del CET tanto da essere nel 1993 uno dei primi allievi.

Tra i vari progetti artistici anche internazionali, prosegue a lavorare con Arisa per la quale nel 2016 ha diretto l’orchestra del Festival di Sanremo della canzone “Guardando il cielo”.

Sempre in occasione del Festival di Sanremo, nel 2018 come musicista ha collaborato con Ron suonando per la canzone inedita “Almeno pensami” scritta da Lucio Dalla.

“Pur lavorando quotidianamente con Mogol, non mi dimentico chi è. Ho la fortuna di imparare la cultura dalla fonte, da Mogol appunto. Grazie a lui, ogni giorno, aggiungo un tassello in più in cultura.

Questi spettacoli sono sempre tutti diversi: il repertorio di Mogol è talmente vasto che in base ai ricordi trattati, seguirò la musica di riferimento. Si spazia, solo per fare degli esempi, da Lucio Battisti, Riccardo Cocciante, Gianni Morandi, Mina, Adriano Celentano.

Pianista Maestro Luca Giuliani

Pianista – compositore

 Classe 1968, di Foligno (Pg), inizia la sua formazione pianistica all’età di cinque anni. Studia al conservatorio F. Morlacchi di Perugia diventando anche compositore.

Nella sua carriera, oltre ad aver suonato con Lucio Dalla, Francesco De Gregori, Iskra Menarini, con Jack Lenz, autore della colonna sonora The Passion di Mel Gibson. Tra i vari progetti, c’è anche la collaborazione con Bernardo Lanzetti, cantante della PFM.

“Alle ore 21:00 aprirò la serata, eseguendo al pianoforte quattro mie composizioni di cui due tratte dal mio cd “Tutto Scorre” (Il silenzio della notte e Il tempo dei pazzi)  e due inediti (1 Finisterre e Ali). Inoltre, renderò omaggio a Mogol eseguendo “E penso a te” e “Insieme”.

Sarà una di quelle serate indimenticabili. Ne sono sicuro”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*