Bevagna, scelto il progetto esecutivo del polo scolastico “Sant’Anna”

 
Chiama o scrivi in redazione


Bevagna, scelto il progetto esecutivo del polo scolastico "Sant'Anna"

Bevagna, scelto il progetto esecutivo del polo scolastico “Sant’Anna”

Il nuovo polo scolastico “Sant’Anna” di Bevagna è sempre più realtà. E’ infatti entrata nel vivo la seconda fase della procedura concorsuale attivata dal Comune, per realizzare il nuovo edificio nel rispetto dei più stringenti criteri antisismici e, anche, delle misure anticovid.

Su 128 progetti pervenuti nella prima fase del concorso, la Commissione di esperti ha scelto il progetto esecutivo tra i 5 selezionati. Nel territorio, intanto cresce l’attesa per conoscere la proposta vincitrice, che sarà resa nota nei prossimi giorni, con cui si procederà alla richiesta del finanziamento per la costruzione della nuova scuola.

“Abbiamo suscitato l’interesse di tanti professionisti italiani e non solo – riferisce il sindaco Annarita Falsacappa -, in quanto sono state oltre cinquecento le persone che si sono interessate al progetto del nuovo polo scolastico. Con lo ‘school bonus’ abbiamo raccolto la cifra necessaria per avere il progetto esecutivo, grazie alla sensibilità non solo dei cittadini di Bevagna ma anche di quanti, fuori regione, hanno compreso l’importanza di una scuola antisismica in una zona come la nostra ad alto rischio sismico. Siamo consapevoli che per costruire un nuovo edificio ci vuole tempo, intanto puntualmente abbiamo investito sulla sicurezza dei plessi esistenti, pertanto i nostri alunni sono ospitati in ambienti confortevoli e sicuri. Lo dimostrano gli interventi di adeguamento e manutenzione che hanno interessato principalmente la scuola materna e primaria di Bevagna, la scuola di Cantalupo e la scuola media”.

Un ruolo importante è stato ricoperto dall’assessore Umberto Bonetti, che ha organizzato con l’ufficio tecnico del Comune le fasi del concorso di progettazione.

Grande soddisfazione è stata espressa, inoltre, da tutti gli assessori comunali che hanno creduto nel progetto e lo hanno sostenuto fortemente.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*