Segni Barocchi Festival, gli appuntamenti del 7 settembre

Segni Barocchi Festival, gli appuntamenti dell'8 settembre
Segni Barocchi Festival, gli appuntamenti dell'8 settembre

Segni Barocchi Festival, gli appuntamenti del 7 settembre

Sono questi gli appuntamenti di Segni Barocchi Festival, in programma martedì 7 settembre. Alla Multisala Supercinema, domani alle 17,30 e alle 21,30, proiezione del film “Nightwatching” di Peter Greenaway (2007). La scelta della pellicola è di Roberto Lazzerini.

“Ci  ritroviamo  tutti  a  Segni  Barocchi:  Rembrandt  e  Greenaway  fanno  parte  della  comitiva – sottolinea Lazzerini – si  potrebbe dire per celia, quasi replicando la battuta di sir Gainsborough a proposito di Van Dyck e sulla loro certa riunione in Paradiso. Poiché è evidente sin dal titolo, che replica quello del quadro più famoso del pittore olandese “La Ronda di notte” (1640-1642),  come non possa non mancare questo film nel singolare catalogo audiovisivo e cinematografico del festival”.

Alle 18,30, a Vescia, nella chiesa di San Martino, concerto d’organo di Fabio Macera. Il programma di questo concerto è una ricercata antologia della scuola organistica italiana dalle origini cinquecentesche al pieno Ottocento, con compositori che da aree diverse, anche  di  provincia,  seppero  sempre  avere  rapporti  e  relazioni  con  le  correnti  e  i  fenomeni  più  rappresentativi  a  livello  nazionale  e  internazionale.

LEGGI ANCHE – Segni Barocchi Festival, arriva la Notte Barocca sabato 4 a Foligno

Fabio  Macera  ha conseguito il diploma in organo e  composizione  organistica  al  Conservatorio  “Cantelli”  di  Novara e si è, tra l’altro, perfezionato  inoltre  nella musica  antica  e sinfonica francese con J. P. Lecaudey presso l’École de musique di Saint-Remy-de-Provence.

Alle 21, Corte di Palazzo Trinci, “Al suon di bellico strumento” interpretato da “Ensemble Girolamo Fantini” con Andrea Di Mario, Domenico Agostini, Michele Petrignani, trombe barocche, Michele Camilloni, timpani barocchi, tamburo e percussioni,  Gabriele Catalucci, organo  (in collaborazione con Organi Pinchi – Foligno).

Il programma di questo concerto è un viaggio musicale in un mondo in cui le sonorità delle trombe si sposano con quelle ricchissime dell’organo, “principe degli strumenti”, attraverso musiche di autori di diversa tradizione e generazione

L’Ensemble  Girolamo  Fantini  è  costituito  da  un  organico  di  trombe  naturali  (in  numero  variabile  da tre a cinque), timpani barocchi e organo cui si aggiungono altri strumenti, a seconda dei brani in programma fino a raggiungere un organico orchestrale. Il repertorio dei secoli XVII e XVIII, sia cerimoniale sia più strettamente “d’arte”, rivive nelle esecuzioni dell’ensemble tramite l’uso di copie di strumenti antichi e il rigoroso rispetto delle prassi esecutive d’epoca. I componenti del complesso sono musicisti specializzati nell’esecuzione della musica dei secoli XV-XVIII. Tengono concerti anche

come solisti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*