Podestà delle Gaite di Bevagna presenta il programma Primavera Medievale

Dal 22 al 25 aprile Bevagna sarà investita dalla Primavera Medievale. Aria di “Gaite”

Podestà delle Gaite di Bevagna presenta il programma Primavera Medievale

Podestà delle Gaite di Bevagna presenta il programma Primavera Medievale 
BEVAGNA – Il Podestà delle Gaite, Claudio Cecconi, alla presenza del Sindaco di Bevagna e dei giornalisti delle principali testate regionali ha presentato presso le Logge del Mercato Coperto l’edizione 2017 della Primavera Medievale.

Dal 22 al 25 aprile Bevagna sarà investita dalla Primavera Medievale. Aria di “Gaite” nelle piazze, nei vicoli, nei palazzi. Un programma ricco e rinnovato ad accogliere gli appassionati del medioevo.

A cura delle Gaite, conferenze e approfondimenti: medicina, moda, gioco, colori, scherma medievale, con numerose presenze di storici ed esperti. Nell’auditorium di Santa Maria di Laurentia si alterneranno nelle quattro giornate Marco Fantuzzi, Allen J. Grieco, Giuseppe Lauriello, Sara Piccolo Paci, Donatella Scortecci, Maurizio Tuliani. Lo stesso auditorium sarà anche sede delle sessione domenicale della Sessantacinquesima Settimana di studio della Fondazione CISAM di Spoleto, con il tema “Il gioco nella società e nella cultura dell’Alto Medioevo” e con interventi di  Leonardo Lugaresi, Duccio Balestracci, Giorgio Vespignani.

I momenti di studio saranno accompagnati dalla vivace presenza di artigiani e mercanti in piazza Silvestri ad animare il colorato mercato medievale: cordai, orafi, ramai, maestri del legname, del cuoio e dei tessuti, venditori di cereali, norcini e tartufi.

Quest anno l’accampamento militare del XIV sec., in piazzale Gramsci sarà animato per tutta la domenica da ASD Ferreo Core, noto ed interessante gruppo di marchigiani che rievocano filologicamente, basandosi sullo studio degli antichi trattati, battaglie e combattimenti di scherma medievale, ambientate nei primi anni del 1300.

Gli immancabili giullari, musici e menestrelli percorreranno instancabili  le vie del paese così come i loro antenati facevano nelle occasioni di mercato, di festa, di matrimonio e persino di funerale.

Importante e nuova presenza quella della Compagnia dei Balestrieri di Norcia, a rinsaldare un patto di amicizia tra le due città, tanto più significativo in questa fase storica in cui tutta la  caparbia città di Norcia è impegnata nel  grande sforzo del ritorno alla normalità, anche attraverso la ripresa delle attività sociali e culturali che animano da sempre il territorio.

Sempre a proposito di novità da la Primavera Medievale 2017 avrà uno spazio dedicato ai bambini con l’allestimento di laboratori in cui poter sperimentare la produzione di prodotti artigianali come la carta, le candele, le monete, la seta.

“Cibo e salute” il tema di alcuni appuntamenti culinari, dove a fine giornata sarà possibile rilassarsi e gustare  pietanze speziate a dovere, legumi, cacciagione, dolcetti prelibati e bere idromele e ippocrasso, il tutto preparato con le antiche ricette medievali in cui le Gaite di Bevagna hanno ormai raggiunto una notevolissima esperienza.

Usando i noti versi di un madrigale trecentesco “Ecco la Primavera, che il cor fa rallegrare”, rinnoviamo la magia della natura e che sia di buon auspicio per le Gaite, per Bevagna, per l’Umbria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*