Videosorveglianza a Giano dell’Umbria e Gualdo Cattaneo, approvato

 
Chiama o scrivi in redazione


Videosorveglianza a Giano dell’Umbria e Gualdo Cattaneo, approvato
telecamera

Videosorveglianza a Giano dell’Umbria e Gualdo Cattaneo, approvato

Oggi, si è tenuta una seduta del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica,convocata e presieduta dal Prefetto di Perugia, Claudio Sgaraglia, nel corso della quale, alla presenza dei Sindaci di Giano dell’Umbria, Manuel Petruccioli e di Gualdo Cattaneo, Enrico Valentini, è stato esaminato ed approvato un progetto di realizzazione di un sistema di videosorveglianza in ambito urbano, presentato congiuntamente dai predetti Comuni.

Il progetto in parola ha carattere intercomunale ed è frutto di una sinergica, fattiva collaborazione tra i suindicati Comuni, sviluppata in considerazione della continuità territoriale esistente tra gli stessi.

Nell’ambito di detta collaborazione,è stata prevista l’installazione di telecamere di ultima generazione, collegatecon le Centrali Operative delle Forze di Polizia,in punti individuati in modo condiviso eritenuti di particolare rilievo ai fini della prevenzione e del contrasto dei fenomeni criminali.

In particolare, 8 telecamere verranno collocate agli accessi al territorio dei Comuni di Giano dell’Umbria e di Gualdo Cattaneo, al fine di consentire più efficaci controlli sui veicoli in transito.

Da parte sua, il Prefetto Sgaraglia ha espresso vivo apprezzamento per la scelta di realizzare, in modo unitario, il progetto di videosorveglianza oggi approvato dal Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, che consentirà di innalzare ulteriormentei livelli di sicurezza sul territorio di entrambi i Comuni.

Nella prospettiva del rafforzamento della sicurezza in ambito urbano, il Prefetto ha, altresì, sottolineato l’importanza del ruolo delle Polizie Municipali, la cui azione potrà acquisire sempre maggiore efficacia nel quadro di uno stretto raccordo con le Forze di Polizia, nonché della costante implementazione dei sistemi di videosorveglianza e del ricorso agli strumenti di sicurezza partecipata previsti dall’ordinamento e, in particolare, ai Protocolli d’Intesa per il Controllo di Vicinato, che numerosi Comuni della Provincia(tra i quali quelli di Giano e Gualdo Cattaneo), hanno già stipulato con la Prefettura.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*