Ospedale, donato un ecografo portatile all’Unità Operativa di Nefrologia

Ospedale, donato un ecografo portatile all'Unità Operativa di Nefrologia

L’azienda “Antico Pastificio Umbro” con sede a Foligno, già impegnata durante il periodo Covid per l’ospedale “San Giovanni Battista” con la donazione di un sofisticato computer per il reparto Dialisi, prosegue la sua opera al fianco dei sanitari dell’ospedale cittadino.


Fonte Ufficio Stampa
Azienda Usl Umbria 2


È stato consegnato al reparto di Nefrologia e Dialisi dell’ospedale di Foligno, diretto dalla dr.ssa Paola Vittoria Santirosi, un ecografo portatile dotato di due sonde ecografiche, una lineare ed una convex, carrello e stampante che permette l’ammodernamento strumentale della rete nefrologica aziendale.

“Il nostro centro – spiega la dott.ssa Paola Vittoria Santirosi, responsabile della struttura complessa di Nefrologia e Dialisi dell’Azienda Umbria 2 – da anni svolge attività di ecografia nefrologica specialistica avendo recentemente inserito anche l’attività di ecografia infermieristica con lo studio dell’accesso vascolare. Tale strumento permetterà un ulteriore miglioramento dell’assistenza ai pazienti nefrologici afferenti al nostro servizio”.

“La vicinanza dell’utenza cittadina al nostro nosocomio – aggiunge il direttore dell’ospedale di Foligno dott. Mauro Zampolini – dimostrata in diverse occasioni con gesti e testimonianze di generosità e attenzione, costituiscono un indubbio supporto all’attività quotidiana resa particolarmente difficile durante la lunga fase pandemica”.

“Anche in questa fase di ripartenza post Covid – dichiara il patron dell’azienda Vincenzo Faccendini – intendiamo partecipare attivamente al potenziamento tecnologico del nostro nosocomio attraverso il sostegno a strutture di eccellenza, come la Nefrologia e Dialisi, che garantisce prestazioni, assistenza e cure fondamentali e di qualità per i pazienti”.

Il direttore generale dell’Azienda Usl Umbria 2 dott. Massimo De Fino esprime gratitudine ai titolari dell’azienda umbra che, in piena emergenza pandemica, si erano dimostrati sensibili e vicini ai sanitari in prima linea con l’acquisto di un ecografo portatile utile nell’implementazione della gestione informatizzata del servizio Dialisi. Un impegno confermato da questa nuova donazione.

“La nostra risposta nella battaglia contro il virus, per fornire assistenza, tutelare la salute pubblica e salvare vite umane – spiega il manager sanitario – è stata sempre accompagnata e supportata, in tutti i territori, con numerose testimonianze di solidarietà e di impegno civile da associazioni, aziende, cittadini. Questa unità di intenti, l’aiuto, la vicinanza della rete di solidarietà sociale, hanno reso più forte la nostra capacità di affrontare questa lunga e difficile fase grazie all’impegno, alla dedizione, alla professionalità, allo spirito di sacrificio di tutto il nostro personale impegnato nei territori e nei presidi ospedalieri”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*