AdM Foligno concerto inaugurale 2022

SABATO 12 MARZO ORE 21 FOLIGNO – AUDITORIUM SAN DOMENICO

Adm Foligno concerto inaugurale

AdM Foligno concerto inaugurale 2022

Con “Mozartiana” si alza il sipario sulla Stagione concertistica folignate 2022. Un avvio di grande richiamo che porterà al San Domenico i trenta musicisti dell’Orchestra da Camera di Perugia in concerto con solisti d’eccezione.

Tutta nelle note di Mozart l’inaugurazione della 41esima Stagione concertistica degli Amici della Musica di Foligno. L’atteso avvio di cartellone – ben 27 concerti in un anno – porterà sabato 12 marzo, ore 21 all’Auditorium San Domenico, il concerto- evento “Mozartiana” con l’Orchestra da Camera di Perugia e tre eccellenti solisti, la violinista Azusa Onishi anche primo violino dell’Orchestra, l’oboista e direttore Christian Schmitt solista di fama internazionale e docente all’Accademia Chigiana di Siena, la pianista perugina Alessandra Gentile.

Un appuntamento di grande richiamo, “Un festoso concerto di concerti che coinvolge i migliori musicisti di questa nostra regione – commenta il direttore artistico dell’Associazione musicale Marco Scolastra -. Un momento per godere della bellezza di capolavori d’ogni tempo sui quali costruire un mondo migliore”. Godibilissimo infatti il programma che vede in scaletta il Concerto per violino e orchestra n. 4 in re maggiore KV 218, il Concerto per oboe e orchestra in do maggiore KV 314 “Ferlendis”, e il Concerto per pianoforte e orchestra n. 9 in mi bemolle maggiore KV 271 “Jeunehomme”.


Ufficio stampa


Tre brillanti composizioni giovanili per strumento solista e orchestra – scritte da Mozart tra i 19 e 21 anni! – dove spicca per modernità il concerto per pianoforte e orchestra “Jeunehomme”, dal nome della virtuosa pianista francese M.lle Jeunehomme di passaggio a Salisburgo nel gennaio 1777. Mozart scrisse per lei un’opera di grande intensità e impegno formale, dalle dimensioni insolitamente ampie che la rendono il primo importante concerto per pianoforte degno in tutto e per tutto di figurare accanto ai capolavori del periodo viennese.

Di qui il progetto “Mozartiana” nato dall’incontro di solisti umbri o d’adozione – Onishi, Gentile, Schmitt – con la nuova Orchestra da Camera di Perugia, 30 elementi, un complesso di archi e fiati che vanta collaborazioni blasonate tra cui l’Accademia di Santa Cecilia, l’Orchestra del Teatro alla Scala, l’Orchestra della Toscana, la Camerata Strumentale “Città di Prato”. Molti anche i progetti con importanti solisti come Giovanni Sollima, Nicola Piovani, Paolo Fresu, Quincy Jones, Mark Milhofer, Daniela Dessì, Desirée Rancatore, Bruno Canino, Karl- Heinz Schütz, Coro del Maggio Musicale Fiorentino, Coro dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Dal 2015 al 2017 la formazione ha collaborato con la direttorice d’orchestra Nil Venditti oltre a partecipare a noti festival nazionali e internazionali. Di recente uscita le incisioni discografiche dei Concerti per flauto di Mozart (Camerata Tokyo) con Karl-Heinz Schütz, primo flauto solista dei Wiener Philharmoniker, e di “Altissima Luce” per l’etichetta Tŭk di Paolo Fresu.

Quanto ai solisti l’inizio sarà tutto nelle mani della giapponese Azusa Onishi, primo violino di spalla dell’Orchestra umbra, diplomata al Conservatorio di Perugia e perfezionatasi all’Accademia di Santa Cecilia di Roma e alla Scuola di Musica di Fiesole. Vincitrice di concorsi internazionali è concertino dei Solisti Aquilani e membro dell’Ensemble Kinari.

Oltreché solista, Christian Schmitt, celebre oboista francese, sarà per l’occasione anche direttore dell’Orchestra. Primo oboe per venti anni nella “Sinfonieorchester Basel”, la lascerà nel 2012 per insegnare oboe alla Staatliche Hoschschule für Musik di Stoccarda. Dedicatario dei lavori di diversi compositori, si è esibito sotto la direzione di Nello Santi, Armin Jordan, Marcello Viotti, Heinz Holliger, Walter Weller… Ha registrato per la Radio Svizzera, Radio France e la Südwestrundfunk SWR2. Tiene recital e masterclass in varie parti d’Europa e in Università degli Stati Uniti, Corea del Sud, Cina.  Dal 2016 è docente del seminario di Oboe presso l’Accademia Musicale Chigiana. Dal 2013 suona stabilmente con la pianista Alessandra Gentile – solista dell’ultimo Concerto in programma – con cui si esibisce in Europa, Sud America e Cina.

Ed è proprio la Gentile a svelare la nascita di Mozartiana come “Volontà di creare qualcosa di bello con musicisti umbri, o d’adozione, nella nostra terra. Abbiamo scelto Mozart, così capace di metterci in pace con noi stessi e con il mondo”. Pianista perugina, Alessandra Gentile, vanta collaborazioni e docenze in istituti internazionali, tra cui alla Hochschule für Musik und Theater di Stoccarda come pianista accompagnatrice. Suona con “Philharmonisches Orchester Bad Reichenhall”, “Philharmonisches Orchester der Stadt Regensburg” e “Münchner Symphoniker”. Lavora stabilmente con il violinista Alessandro Cervo, il flautista Luciano Tristaino, con il clarinettista Davide Bandieri, con il LuDIAL Trio. Intensa la collaborazione con i compositori Peter Wittrich, Fabrizio de Rossi Re, Michele Ignelzi e Luca Lombardi. Incide per Rai, Bayerischer Rundfunk, Brilliant, Rara Records e Stradivarius. Come accompagnatrice del seminario di Oboe di Christian Schmitt è invitata ai corsi estivi dell’Accademia Chigiana e fa parte del Chigiana Keyboard Ensemble.

“Gli Amici della Musica di Foligno vivono questa nuova Stagione con l’emozione di un esordio – sottolinea Giorgio Battisti presidente degli Amici della Musica –. Noi ci siamo con l’entusiasmo di sempre e con l’orgoglio di avere rappresentato un punto di riferimento per i tanti appassionati della musica dal vivo anche quando il cartellone si è dovuto fermare.”

Per l’accesso all’Auditorium sono necessari mascherina FFP2 e Super Green Pass. Per il programma e informazioni sull’intera Stagione Concertistica 2022 www.amicimusicafoligno.it.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*