Villa Umbra, nel 2016 alta formazione pubblica per oltre 18mila partecipanti e 14mila ore

Naticchioni ringrazia la Regione Umbria ed i soci della Scuola

Villa Umbra, nel 2016 alta formazione pubblica per oltre 18mila partecipanti e 14mila ore

Villa Umbra, nel 2016 alta formazione pubblica per oltre 18mila partecipanti e 14mila PERUGIA – Oltre diciottomila partecipanti e quattordicimila ore di alta formazione in aula su tematiche di interesse locale, regionale e nazionale: sono questi i numeri che contrassegnano l’attività dalla Scuola umbra di amministrazione pubblica nel 2016. “In questo momento di riorganizzazione delle funzioni e di tutta la pubblica amministrazione – sottolinea l’amministratore unico, Alberto Naticchioni, tracciando un bilancio delle attività – la Scuola, presieduta da Catiuscia Marini, presidente della Regione Umbria, continua ad essere un fulcro fondamentale nell’affrontare i radicali mutamenti, le misure di riordino istituzionale di riduzione della spesa orientate alla realizzazione di una amministrazione digitale attraverso l’organizzazione di corsi e la formazione continua dei dipendenti pubblici”.

“Visto il positivo riscontro manifestato dagli Enti e dai partecipanti ai corsi – prosegue – la Scuola intende per il 2017 arricchire l’attività, che si pone in continuità con le azioni intraprese negli anni precedenti, con particolare attenzione alle riforme della pubblica amministrazione, alle attività formative per sostenere gli enti colpiti dal sisma ed alle attività legate al progetto ‘macroregione’ tra Regione Umbria, Toscana e Marche. Inoltre, la Scuola seguirà le profonde riorganizzazioni e misure orientate alla riduzione della spesa e alla sempre più concreta realizzazione di una amministrazione digitale e trasparente”.

Naticchioni ringrazia la Regione Umbria ed i soci della Scuola (Province di Perugia e Terni, Comuni di Perugia e Terni, Università degli Studi di Perugia, Università per Stranieri di Perugia, Cal Umbria, Istituto Zooprofilattico Sperimentale Umbria-Marche, Arpa Umbria, Adisu ed Afor) per l’attenzione rivolta alla Scuola. Per il 2017, afferma, la Scuola “si candida a supportare il commissario straordinario per la ricostruzione post-sisma 2016”.

Nel 2016 sono state approfondite, con 350 singole attività formative, tutte le novità normative emanate dal Governo centrale e locale, dai servizi finanziari; dalla riforma dell’amministrazione digitale, semplificazione e trasparenza all’anticorruzione; dal riordino delle società partecipate alle risorse umane, al settore degli appalti e settore sanità e sociale. Molte delle attività sono state organizzate con la collaborazione dell’Università degli studi di Perugia; Università per stranieri di Perugia; Università Bocconi; Università Liuc-Libero Istituto Universitario Carlo Cattaneo.

Tra le iniziative più rilevanti organizzate dalla Scuola, con sede a Villa Umbra, rivolte alla pubblica amministrazione regionale e nazionale figurano corsi dedicati ad appalti pubblici; anticorruzione; contabilità; novità in materia di pubblico impiego e sistema Foia (Freedom in Information Act).

Riscontro nazionale hanno avuto il convegno dedicato alla trasparenza dell’azione amministrativa alla luce della “riforma Madia” che ha visto la partecipazione di illustri relatori, tra cui Bernardo Giorgio Mattarella, capo dell’Ufficio legislativo del Ministero per la semplificazione e la pubblica amministrazione ed il convegno sul nuovo Codice di giustizia contabile con Antonella Manzione, Capo Dipartimento legislativo e giuridico della Presidenza del Consiglio dei ministri. Altro appuntamento di rilievo è stato il seminario sulle novità del giudizio di responsabilità e del giudizio di conto introdotte dal Codice della giustizia contabile. A Villa Umbra si è svolto anche l’incontro tra l’allora presidente del Consiglio Matteo Renzi con i sindaci umbri.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*