Montefalco parcheggio della Rocca intitolato a chirurgo Trento Morganti

nacque  a Montecastello di Vibio il 30 giugno1915

Montefalco parcheggio della Rocca intitolato a chirurgo Trento Morganti

Montefalco parcheggio della Rocca intitolato a chirurgo Trento Morganti

MONTEFALCO – “Un momento emozionante in ricordo di un medico che ha dato tanto non solo alla nostra comunità, ma a tutta la sanità umbra”. E’ il commento del sindaco Donatella Tesei in occasione della cerimonia di intitolazione del parcheggio della Rocca allo stimato medico chirurgo Trento Morganti nel centenario della sua nascita.

“Il dottor Morganti – ha proseguito il sindaco  – uomo di grandi qualità morali e professionali, è stato l’artefice della crescita dell’ospedale di Montefalco. Abbiamo scelto non a caso questo luogo da dedicare a lui posto nelle immediate vicinanze della struttura, ormai da troppo tempo in attesa di definitiva destinazione, in cui lo stesso ha passato gran parte della sua vita. Tutti insieme ci dedicheremo a progetti in ricordo di questo grande medico che ha portato in alto il nome di Montefalco”.

La cerimonia è stata organizzata domenica 8 ottobre dal Comitato promotore ex dipendenti dell’ospedale generale di zona San Marco di Montefalco con il patrocinio del Comune di Montefalco e dell’Accademia della Cultura di Montefalco Onlus che ne ha curato i dettagli organizzativi.

Dopo l’intitolazione dell’area, in piazza del comune si è svolta l’inaugurazione della postazione del defibrillatore donato dalle nipoti del dottor Morganti,  dottoresse Ada e Celeste Pierantoni e dalla signora Diana Preziosi. La cerimonia è poi proseguita nella sala consiliare del Comune  con  i saluti del sindaco Donatella Tesei e del presidente dell’Accademia per la storia l’arte e la cultura locale Giorgio Leoni.  Il senatore Maurizio Ronconi ha presentato il libro intitolato “Trento Morganti Medico Chirurgo”, mentre alcuni brani tratti dal libro sono stati letti dal Senatore e Avvocato Domenico Benedetti Valentini, con un intermezzo musicale del chitarrista Angelo Bornaghi, della violinista Monica Pontini e del soprano Antonella Masciotti.

L’intervento conclusivo della emozionante cerimonia dedicata a Trento Morganti che ha visto molti partecipanti, è stato affidato alla nipote, dottoressa Celeste Pierantoni. Ha condotta la cerimonia Simona Fiordi. Un sentito ringraziamento va a tutti coloro che hanno reso possibile questa manifestazione, L’Accademia di Montefalco, gli ex dipendenti dell’ospedale generale di zona San Marco di Montefalco, Ada e Celeste Pierantoni e la signora Diana Preziosi la Croce Rossa Italiana con il distaccamento di Montefalco e i dipendenti comunali.

Biografia del dottor Trento Morganti

Il dottor Morganti nacque  a Montecastello di Vibio il 30 giugno1915 da una antica famiglia originaria di Deruta, legata alla rinomata fabbrica Grazia della ceramica artistica. Nel 1941 si laureò  in Medicina e Chirurgia all’Università di Perugia, nel 1942 fu inviato in Russia in qualità di ufficiale medico e fatto prigioniero nel fatto d’armi di Cerkov fino al 1946. La sua professione gli consentì di godere di grande stima e fiducia tra i militari russi. Il rientro dalla Russia a piedi e con mezzi di fortuna durò diversi mesi.

Dal 1947 al 1951 prestò servizio alla Clinica Chirurgica del Policlinico di Perugia diretta dall’esimio professor Paride Stefanini e successivamente fino al 1978  presso gli Istituti riuniti di assistenza e beneficenza di Montefalco in qualità di primario chirurgo e direttore sanitario.

Grazie al suo instancabile operato e alla sua indubbia professionalità l’infermeria di Montefalco ottenne nel 1969, per l’eccellenza del reparto operatorio chirurgico dove affluivano  malati provenienti dai diversi Comuni della Valle umbra sud,  il  riconoscimento di Ente ospedaliero –   Ospedale generale di zona “San Marco”, con i suoi 150 posti letto articolati nei reparti di chirurgia generale, medicina, ostetricia e pediatria coadiuvati dal servizio di pronto soccorso, radiologia, laboratorio analisi e ambulatori specialistici.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*